‘Questa sera si recita Molière’ di Paolo Rossi

Questa sera si recita Molière” è uno spettacolo di Paolo Rossi e la sua compagnia Teatro di rianimazione. Sebbene lo spettacolo sia di qualche anno fa, è ancora possibile vederne il filmato su Youtube cliccando su questo link (https://www.youtube.com/watch?v=lscSzmjgxmo); la messa in scena in questione è del 7 dicembre 2002 ed è stata realizzata al Teatro Smeraldo di Milano ma, nonostante sia un po’ vecchiotta, la sua capacità di coinvolgere il pubblico non è stata scalfita dal tempo.

molière

Si tratta di un dramma da ridere in due atti, un happening nato dalla fusione de “Il malato immaginario” e “Il medico per forza” di Molière in cui non mancano interventi personali dell’artista, critiche alla società contemporanea e il coinvolgimento del pubblico nella rappresentazione. Gli elementi tipici del teatro di Molière vengono dunque stravolti nel moderno canovaccio di Paolo Rossi: così come Molière in Francia attinse numerosi elementi dalla commedia dell’arte italiana, Paolo Rossi a sua volta dichiara di aver “rubato” qualche idea a Molière per realizzare il suo spettacolo.

Paolo Rossi mette in scena la storia del Dottor Sganarelli, un ciarlatano che vende un olio che dovrebbe guarire qualunque male; il protagonista diventa presto l’emblema dei politici ciarlatani di oggi, su cui l’autore fa non poche battute di satira. Il Dottor Sganarelli si trova in un bell’impiccio: Leandro, un suo dipendente extracomunitario, si è innamorato di Lucinda e minaccia il Dottor Sganarelli di vendicarsi se non lo aiuta a ricongiungersi con l’amata. Purtroppo Lucinda è figlia di Geronte, il finanziatore del dottor Sganarelli, un milanese che detesta gli extracomunitari ma anche un credulone, che si sottopone ad ogni assurda e comica cura ideata dal ciarlatano per mali inesistenti.

L’opera è uno spettacolo in costume, ma gli indumenti del ‘600 spesso vengono sostituiti da costumi contemporanei per sottolineare la fusione tra i giorni nostri e l’epoca di Molière che avviene nel corso dello spettacolo. In onore a Molière verranno recitate alcune battute in Francese ma, come introduzione allo spettacolo, verrà trasmesso Bob Marley. L’opera è anche un occasione per vedere in azione due attori diventati famosi grazie a Camera Cafè: Debora Villa, conosciuta come la Patti, e Carlo Giuseppe Gabardini, nei panni di Olmo.

Come spesso succede negli spettacoli di Paolo Rossi, il pubblico è direttamente coinvolto nella rappresentazione teatrale non solo perché l’artista si rivolge continuamente alla platea o conversa con qualche spettatore, ma anche perché invita alcuni volontari a salire sul palcoscenico e recitare insieme alla compagnia. Paolo Rossi immagina che la platea sia una sala d’attesa e che il pubblico sia composto dai pazienti del dottore ciarlatano. Tre spettatori si improvvisano attori e si trasformano nei malati accorsi alla clinica del Dottor Sganarelli in cerca di cure, diventando protagonisti di brevi gag comiche in cui viene somministrato loro l’olio miracoloso. Uno spettatore in particolare chiederà al Dottor Sganarelli di apprendere l’arte di truffare e diventerà a sua volta vittima del ciarlatano, che inventerà per lui un corso fasullo su come diventare medico.

Durante lo spettacolo la medicina diventerà metafora del potere e verrà gestita da truffatori, ipocriti, ladri e falsi medici sempre alla ricerca di un modo per derubare il prossimo. Tale opera viene messa in scena in un momento storico in cui i ciarlatani la fanno da padroni: l’Italia è un paese di furbi che si ritengono migliori degli altri e vengono ammirati e imitati, il testo di Molière smaschera questi subdoli personaggi inoltre, nella reinterpretazione di Rossi, un medico smaschera la figura dei ciarlatani per “curare” l’Italia.

Le battute riferite alla politica sono di difficile comprensione perché è trascorso troppo tempo dall’epoca della rappresentazione in teatro, ma il messaggio politico di Rossi è ancora vivido; si pensi che, nel lontano 2005, l’opera ha spaventato a tal punto i nostri politici da ottenere una censura televisiva. L’8 gennaio 2005 la trasmissione teatrale Palcoscenico di RaiDue mandò in onda la prima parte dello spettacolo e fu un successone: sebbene la trasmissione fosse in fascia notturna, vennero contati un milione di telespettatori. La seconda parte dello spettacolo avrebbe dovuto essere trasmessa il 15 gennaio 2005, ma venne soppressa con la seguente giustificazione: il programma “è risultato fuori dalle linee editoriali della rete, per problemi di linguaggio e non certo di contenuti”, curiosamente il comunicato precisa che “non si tratta di censura politica, ma di rispetto per il pubblico della rete”; il direttore di Rai2 Massimo Ferrario specificò poi che si tratta di “pulizia linguistica”, avendo nel secondo atto “contato ben dieci parolacce”.  In molti ambienti appare evidente però che si tratta di censura politica, dovuta alla scomoda metafora che mostra i potenti “ciarlatani”, specializzati nel prendere in giro il popolo raccontandogli bugie e promettendogli cose che non manterranno mai, al solo scopo di arricchirsi. Per seguire lo sviluppo della vicenda cliccate sul seguente link: http://www.difesadellinformazione.com/17/la-censura-a-paolo-rossi/ .

Scritto da me per la rubrica “Avventure da palcoscenico” della rivista “Eclettica, la voce dei blogger” N. 6

Annunci

Eccoci qui, dieci racconti di Dorothy Parker

Eccoci qui è una raccolta dei racconti dell’autrice americana Dorothy Parker, selezionati tra i più graffianti dei suoi scritti, che rivelano spietatamente le contraddizioni della borghesia americana degli anni ’20 e ’30.

Il primo racconto è Composizione in bianco e nero e riguarda l’incontro di una donna con un artista afroamericano. Pur non ritenendosi razzista, la protagonista dimostrerà di avere molto pregiudizi e di essere vittima di luoghi comuni.
Il secondo, Consigli alla piccola Peyton, racconta l’approccio alla vita sentimentale di una donna che non lesina critiche e consigli ad un’adolescente.
Il terzo, intitolato Il meraviglioso vecchio signore, illustra invece la conversazione che avviene tra i parenti di un moribondo in un salotto borghese mentre si attende che, nella sua camera al piano superiore, l’anziano signore esali l’ultimo respiro.
Mr Durant è il racconto di un aborto clandestino di una coppia di amanti costituita da un padre di famiglia e uomo in carriera e una segretaria ventenne.
Una bella bionda è considerato il capolavoro della Parker ed è il riassunto della vita di una bella signora bionda che, terminati gli anni delle sfilate di moda ed abbandonata dal marito alcolizzato, si ritrova a vivere facendosi mantenere da ricchi signori e bevendo nei locali clandestini per il proibizionismo. La protagonista, disperata, tenterà il suicidio proprio come l’autrice.
Che bel quadretto è la storia di una famiglia borghese composta da madre, padre e bambina. Il quadretto famigliare è apparentemente perfetto se non fosse che il padre ha altre idee per la testa.
Il piccolo Curtis racconta i disagi di una ricca famiglia snob che, non riuscendo ad avere degli eredi, ha adottato un bambino che non riesce ad adeguarsi al loro stile di vita.
Che peccato è la storia di un divorzio di una coppia che ha deciso di separarsi perché non ha niente da dirsi.
Cavallina racconta la permanenza di un infermiera mal sopportata dai suoi datori di lavoro a causa della sua faccia da cavalla.
Eccoci qui racconta invece il bisticcio tra due sposini in luna di miele, dovuto al caratteraccio della sposa.

Il narratore dei racconti è onnisciente e si astiene da ogni sorta di giudizio sugli eventi narrati ma il punto di vista dell’autrice, critico nei confronti dell’alta borghesia di cui ella stessa fa parte, trapela dalla scelta degli avvenimenti di cui parlano i racconti. Dorothy Parker è chiaramente contraria all’ipocrita perbenismo della sua società, alla condizione della donna confinata entro le mura domestiche e ai matrimoni tra persone che non si amano più. Alla penna di Dorothy Parker non sfugge nulla e colpisce a fondo con dei racconti che non si dimenticano.

Ho scoperto Dorothy Parker grazie ad un articolo di un giornale femminista che mi ha indotto a correre in biblioteca a prenotare uno dei suoi libri. Come rivela la giornalista all’inizio dell’articolo è molto difficile scrivere una biografia di Dorothy Parker, perciò mi affiderò a chi è riuscito in tale impresa ed eviterò di affrontare l’argomento. Oltre all’articolo di cui vi ho parlato, potete trovare informazioni sul libro e sulla vita di Dorothy Parker qui.

Il prossimo libro che leggerò dell’autrice americana è Uomini che non ho sposato, perciò tenetevi pronti ad una nuova recensione.

 

 

Canone inverso, un romanzo di musica

Canone inverso è il secondo romanzo di Paolo Maurensig ed è stato pubblicato nel 1996 da Arnoldo Mondatori Editore. Io ho letto un’edizione economica della Oscar mondatori, sulla cui copertina è riportata una bellissima foto di Paolo Gallo, raffigurante un violino appoggiato ad una parete.

Un musicofilo che ha appena vinto ad un’asta un antico violino Stainer del ‘600 riceve la visita di un individuo disposto a sborsare qualsiasi cifra per lo strumento. Essendogli richieste spiegazioni, il visitatore , un romanziere e musicista, racconta di aver incontrato casualmente un violinista di strada dallo straordinario talento musicale, un artista che avrebbe meritato di essere un concertista di alto livello anziché suonare per pochi spiccioli. Il violinista accetta di raccontare la sua storia e… non dico altro per non spoilerarvi il romanzo e rovinarvi la lettura!

Regina del romanzo è chiaramente la musica e, nel corso della lettura, è possibile scoprire delle citazioni di brani indimenticabili, come per esempio:

  • i Concerti branderburghesi di Bach;
  • la Suite in si minore di Bach;
  • il Concerto per violino e orchestra in mi maggiore di Bach;
  • la Ciaccona di Bach;
  • Scherzo di Paganini;
  • Capriccio di Paganini.

Il titolo del romanzo deriva da un passo del romanzo: “Senza che me ne avvedessi, ciò che aveva trovato il suo supremo compimento nella folgorazione niziale, aveva già cominciato da tempo la sua corsa retrograda, il suo conto alla rovescia, o, se vogliamo usare un termine musicale: il suo canone inverso.”
La struttura dell’opera è molto complessa, infatti sono presenti tre narratori: il musicofilo che acquista il violino racconta di aver incontrato il romanziere e dilettante musicista, il quale a sua volta narra il dialogo con il violinista di strada, durante il quale quest’ultimo racconta la propria storia.

I temi del romanzo sono molteplici, tra i quali citiamo la necessità di conoscere le proprie origini, il nazismo, l’universo degli strumenti a corda, l’amore per una donna, l’adolescenza e la giovinezza.

Il finale a sorpresa sbalordisce il lettore con un esito inaspettato. Maurensig a disseminato nel romanzo numerosi indizi al riguardo, che il lettore può divertirsi a ricercare nel corso di un’eventuale rilettura.

Gli amanti fiamminghi, Paolo Maurensig

Gli Amanti fiamminghi di Paolo Maurensig sembra essere un romanzo scritto forzatamente, quasi per dovere.

Il protagonista e voce narrante è un scrittore di mezza età che ha esaurito l’ispirazione (come l’autore?) e viene coinvolto dal suo migliore amico Jacopo, la di lui consorte Emma e dalla propria moglie Manola in un viaggio verso la Catalogna in automobile, proprio nel periodo in cui Jacopo ha ripreso a scrivere un romanzo d’amore, argomento di cui il narratore non è mai riuscito a scrivere nulla. Dietro una superficiale serenità di chi ha tutto quello che si può assaporare nel corso della mezza età, è evidente che l’affetto che lega i quattro amici è incrinato. Perché il protagonista si trova più volte a fantasticare di uccidere l’amico? Sua moglie Manola è in realtà innamorata di Jacopo?

I quattro amici non arriveranno mai in Catalogna perché decidono di fermarsi in Costa Azzurra e nel corso di un escursione, mentre il narratore è intento a leggere la storia d’amore dell’amico, Jacopo scompare e verrà ritrovato morto dopo qualche giorno. Nessuno riesce a ricostruire ciò che è successo, ma l’episodio distrugge la vita del protagonista: la moglie Manola chiede il divorzio, Emma lo assilla per ricevere consolazione e il quaderno con la storia d’amore rovinato dalla pioggia viene lentamente decifrato per riportare alla luce la storia degli Amanti Fiamminghi, una racconto non suo che merita tuttavia di essere pubblicato.

.

Il racconto de Gli amanti fiamminghi è la storia d’amore scritta da Jacopo e ci viene raccontata come una storia nella storia. Il protagonista, che noi sappiamo essere Jacopo, decide in gioventù di fare lo scrittore e per guadagnarsi da vivere lavora presso una ditta che riproduce opere d’arte. Inaspettatamente il ragazzo si vede consegnare le redini dell’azienda e viene inviato in Francia per ritirare alcuni disegni. Qui conosce Armande, una ragazza con problemi psicologici ma incredibilmente affascinante. I due ragazzi si innamorano, ma quando il protagonista ritorna a casa non può più scriverle in quanto viene arrestato: l’azienda per cui lavorava stampava in realtà banconote false. Il ragazzo in seguito alla propria innocenza viene scagionato, ma nel frattempo Armande si è uccisa.

Premesso che so per esperienza che difficilmente i matti, per quanto affascinanti, difficilmente riescono a rimorchiare perché la gente ha paura della follia. Inoltre la storia d’amore è stata raccontata troppo sbrigativamente, con elementi magici buttati a casaccio nel racconto che andrebbero invece approfonditi . Armande è inoltre figlia del proprietario dei disegni, ma tale parentela risulta quasi ridondante nel racconto perché non viene approfondita nel dettaglio.

.

Uno degli argomenti principali del romanzo è la metascrittura, infatti due personaggi del libro sono scrittori che conversano tra loro di letteratura, in particolare del blocco dello scrittore che non trova l’ispirazione per il prossimo romanzo. Il protagonista in particolare descrive egregiamente la situazione in cui si trova uno scrittore di successo che non riesce a inventare nuove storie, nonostante la venerazione dei fan; racconta inoltre l’invidia che prova per Jacopo, dotato di un talento più grande del suo.

Il testo abbonda di riferimenti dotti che spaziano dalla pittura alla musica, dalla letteratura alla filosofia poiché i quattro protagonisti sono uomini estremamente colti e si godono la mezza età dedicandosi alle rispettive passioni. Si tratta di piacevoli “chicche” che possono indurre il lettore a fare delle ricerche su internet per saperne di più.

Il voto che do a questo romanzo tuttavia è 4, perché il ritmo è troppo lento, la scrittura è forzata e molti aspetti psicologici e esistenziali di Armande sono appena abbozzati.

Recensione di ‘Chisciotte e gli invincibili’

“Il cavaliere dell’eterna giovinezza
seguì, verso la cinquantina,
la legge che batteva nel suo cuore.”

.

‘Chisciotte e gli invincibili’ è uno spettacolo teatrale del 2006 che è stato trasformato in un cofanetto costituito da libricino e dvd. Gli autori sono Polmone, il cui vero nome è Gabriele Mirabassi, uno dei massimi virtuosi odierni al clarinetto a livello internazionale, Trinità, Gianmaria Testa, colui che “le canzoni le canta, le suona e le fa“, e Erri de luca, la mente e la voce narrante di tutto lo spettacolo.

Qui non si mette in scena Chisciotte, si prende Chisciotte come titolo di una figura perfetta di eroe non raggiungibile, ma sotto questo nome solenne andiamo a individuare un po’ di storie affini, di perone che potrebbero iscriversi alla sua discendenza.” Afferma Erri de Luca per descrivere la trama del suo spettacolo e in effetti, più che raccontare le avventure di Don Chisciotte (senza il don, perché per i napoletani risulterebbe equivoco), si tratta di una summa dei suoi personaggi letterari, storici o di attualità preferiti.

La scenografia è un tavolo attorno al quale sono seduti i tre amici, una sedia vuota invece da le spalle alla platea ed è per tutti coloro, uomo o donna, che meritano di essere i Don Chisciotte di oggi. Ogni volta che il pubblico applaude gli artisti si versano un bicchiere di vino, come se fossero in osteria. Erri De Luca al proposito racconta: “ […] questo tavolo di osteria. Uscire sulla scena senza questa certezza… insomma io vengo qua, da tante serate passate all’osteria a cantare e raccontare, e a sentir cantare. Dunque senza questa solida base sulla quale mi appoggio mi sarebbe difficile affacciarmi su una platea così solenne, davanti alle persone che si spostano da casa per venirmi a sentire. Mi avvalgo della facoltà di essere cliente di questo tavolo da molto tempo, e di avere amato questo modo di passare insieme le serate.

Altri oggetti di scena sono il fantoccio di Don Chisciotte rappresentato da un attaccapanni che brandisce un ombrello e indossa uno scolapasta (che poi diventerà in alcuni punti dello spettacolo anche il copricapo degli artisti); sullo sfondo sono proiettate delle immagini molto suggestive e la luce in scena viene accesa da Erri De Luca azionando simbolicamente una lampada che pende dal soffitto.

Lo spettacolo inizia considerando i primi Don Chisciotte i migranti, sia gli italiani nel passato sia gli africani di oggi, poi gli scalatori e gli amanti. Anche una radice come la patata può essere un Don Chisciotte perché ha salvato molti dalla fame, oppure un personaggio biblico e balbuziente come Mosè o l’intellettuale Izet Sarajlic, che non fuggì da Sarajevo per la convinzione che ogni intellettuale debba restare vicino al suo popolo. I tre artisti aprono poi un paragrafo dedicato alla guerra e in particolare alla poesia di Ungaretti (“Un’intera nottata buttato vicino ad un compagno massacrato” a versi alterni), all’olocausto, agli aviatori italiani morti per nulla e al cantautore francese Boris Vian, reinterpretando in italiano la canzone Il Disertore. Ne proponiamo una versione in italiano di Ivano Fossati.

De Luca parla poi dell’indifferenza, di cui sono affetti gli ipocriti che non sanno distinguere la realtà dalla finzione e si comportano come se fossero gli spettatori di uno spettacolo di fantasia, cui sono chiamati ad applaudire anziché intervenire. Lo stesso Don Chisciotte, in un passo del libro, interverrà in uno spettacolo di marionette. Viene poi cantata la canzone di De Andrè dedicata ai suicidi. Lo spettacolo continua con “Canzone per una prigioniera” e infine un “Elogio ai piedi“, recitata da Testa dopo essersi tolto le scarpe.

Oltre al racconto di storie vere o fantastiche, nel corso dell’opera si ascoltano emozionanti a oli al clarinetto, canzoni e poesie musicate.

 

‘My mad fat diary’ Recensione

‘My mad fat diary’ avrebbe avuto tutte le carte in regola per essere un telefilm interessante.

Rae, la protagonista, ha 16 anni e pesa 105 kg, ciò significa che questo telefilm affronta con estremo realismo tematiche come l’obesità, la bulimia, l’autolesionismo, gli attacchi di panico, il ricovero in ospedale psichiatrico e molto altro ancora. Rae però sta cercando di costruirsi una nuova vita tra scuola, amici e ragazzi, mostrando ai giovani telespettatori che è possibile uscire anche dalle situazioni più difficili.
L’intera vicenda è ambientata nel lontano 1996 perciò la musica è rigorosamente di quel periodo, i cellulari sono una rarità e l’abbigliamento è molto grunge. Come si deduce dal titolo, Rae ha un diario segreto, la stesura del quale funge da collante tra le puntate. Il diario e la colonna sonora iniziale sono decorati con schizzi e collage in stile Riot Grrrls. Quando la voce narrante di Rae commenta la scena spesso vengono introdotti degli simpatici schizzi nello stesso stile.
Ciò che più vi colpirà è il sarcasmo e la simpatia di Rae, che affronterà ogni difficoltà sempre con uno stoico sense of humour.

Terminato l’elenco delle caratteristiche positive, è giunto il momento di bacchettare i creatori perché non hanno prestato abbastanza attenzione a certi particolari tutt’altro che trascurabili.
Innanzi tutto manca l’elemento comico. In ogni telefilm che si rispetti c’è un pazzo che fa sganasciare dalle risate che sia Barney di ‘How I met your mother’, Steve di ‘Otto sotto un tetto’, l’inrviente di ‘Scrubs’ o Joy di ‘Friends’… soltanto in Inghilterra potevano fare telefilm senza personaggi comici!
Il ritmo del racconto inoltre è troppo lento non solo perché Rae rimugina troppo,  ma anche perché la lentezza è proprio un difetto del regista.

Il mio parere personale è che questi telefilm da sedicenni non sono degni di una 22enne come me, ma vi pubblico ugualmente il link qui sotto:

http://www.filmpertutti.eu/my-mad-fat-diary/

Diario Segreto Online

Anche se 22 anni sono tanti, spesso scopro di avere ancora molte cose da confessare al mio diario segreto. Non si tratta di testi coerenti e ben curati come quelli pubblicati questo blog o su altre piattaforme online perché mi piace sguinzagliare il mio flusso di pensieri. Il risultato non è certo un testo alla Joyce o alla Woolf, però mi piace conservare le mie baggianate.

Oggi però non mi interessa raccontarvi cosa scrivo nel mio diario segreto (altrimenti che diario segreto sarebbe???), ma per consigliarvi alcune piattaforme online idonee alla conservazione dei vostri segreti più reconditi.

  1. Un blog privato. Aprite un blog su una qualunque piattaforma blog (le più popolari in rete sono WordPress, quella che sto usando in questo momento, e Blogspot) e impostate la funzione Blog privato, che nasconderà i vostri scritti al popolo del web. Per “privatizzare” WordPress leggete qui, per fare lo stesso con Blogspot leggete invece qui.
    L’aspetto positivo di questa soluzione è che potrete personalizzare non soltanto i vostri testi, ma l’intera pagina web; l’aspetto negativo è che potreste non aver impostato correttamente la privacy o che il sistema vi alteri i parametri, rendendo pubblico tutto ciò che avete confidato al diario.
  2. Diario segreto  E’ un sito web interamente in italiano e dedicata alla funzione diario segreto. Con questo sito la vostra privacy è al sicuro e, a meno che non spifferiate ai quattro venti la password, nessun genitore potrà mai violare la vostra intimità. Si tratta di un progetto realizzato per le femminucce, infatti il colore prevalente è il rosa e compaiono un sacco di immaginette carine e “pucciose”, a prova di adolescente in piena tempesta ormonale. E’ molto carina l’impaginazione “libresca” che attiva automaticamente per i vostri file salvati, rende davvero piacevole la lettura.
    C’è un solo piccolo problema: il sito è ancora in fase di allestimento, perciò non è possibile sapere come si trasformerà il diario nel corso del tempo e, soprattutto, se resisterà negli anni e non verrà chiuso.
  3. 280daily  è un diario francese con una grafica degna di un pubblico adulto ma è fortemente sconsigliato ai grafomani poiché consente di scrivere soltanto 280 caratteri al giorno. Più che un diario segreto, può essere un’ottima agenda per annotazioni di vario genere.
  4. Penzu è il diario perfetto per gli adulti e per me. Il sito è interamente in inglese ma è facilmente comprensibile, la grafica è sobria e adeguata ad un pubblico adulto (ma, se avete soldi da buttare via, potete acquistare il servizio “penzu pro” e modificarla come vi pare). E’ possibile dare un titolo al vostro diario e creare più diari, inoltre potete aggiungere le fotografie sia come allegato sia applicandola sulla pagina che state scrivendo. Per quanto riguarda la funzione di scrittura sono presenti quasi tutte le funzionalità di Word, dal cambio-colore alle sottolineature, dal correttore ortografico in qualunque lingua voi preferiate alla scelta del carattere. Infine, se il diario vi stufa, potete esportare i contenuti o inviarli sul vostro indirizzo e-mail, così come potete importare dei file esterni.

 

Spero che questa breve guida vi sia d’aiuto nella scelta del diario segreto più adatto a voi. Buona scrittura!

Immagine tratta da silmarillion.it