“Hurricane” di Bob Dylan

Articolo pubblicato su Lo Sbuffo.

Il 30 giugno 1975 Bob Dylan scrisse a quattro mani con Jacques Levy il singolo Hurricane, una canzone sull’incarcerazione di Rubin “Hurricane” Carter, traccia di apertura e cavallo di battaglia dell’album Desire. Il brano venne anche inciso su un 45 giri, diviso sulle due facciate.

Il pugile afroamericano peso medio Rubin Carter, noto a tutti come Hurricane per la propria aggressività sul ring, diventò pugile professionista nel 1961, dopo un passato trascorso tra riformatorio, problemi con la giustizia e l’arruolamento nell’esercito, dal quale fu congedato perché ritenuto inadatto. Fu incarcerato ingiustamente, nonostante molte incongruenze durante il processo, per un triplice omicidio verificatosi durante una sparatoria al Lafayett Bar il 17 giugno 1966, nel New Jersey.

Venne fermato il pugile, la cui automobile sembrava coincidere con una avvistata nei pressi del bar, inoltre la pistola che al momento portava con sé Carter era dello stesso modello di quella che aveva sparato i proiettili. Il criminale Alfred Bello continuava a cambiare la propria versione e a depistare le indagini, inoltre l’omicidio di Hazel Tanis, avvenuto un mese dopo, complicò la dinamica dei fatti. Il pugile scrisse la propria autobiografia The Sixteenth Round (1974) e la inviò a Dylan sapendo che il cantautore si occupava di diritti civili; l’artista venne così a conoscenza dell’accaduto e decise di denunciare il fatto con una canzone per aiutare Carter e fare giustizia.

Bob Dylan tenne numerosi concerti di beneficenza, tra cui uno al Madison Square Garden e un altro in particolare si tenne alla Clinton State Prison, durante il quale Carter salì sul palco per indurre la stampa a parlare del suo caso. Nel 1985 il giudice della Corte Federale Haddon Lee Sarokin dichiarò che il processo non era stato equo, ma anzi si era basato su motivazioni razziali. Il 26 febbraio 1988 cadde definitivamente ogni accusa. Carter trascorse in totale diciannove anni in prigione senza aver commesso alcun crimine. Dopo la scarcerazione, Dylan non eseguì più il brano dal vivo.

A Rare Smile

La canzone è composta da una ventina di strofe, compresi i ritornelli. I versi sono scritti nell’inglese dello slang poliziesco e sono piuttosto difficili da tradurre per chi non ha dimestichezza con il gergo. Il testo racconta nel dettaglio tutto ciò che è accaduto durante la sparatoria e gli eventi successivi. Inizialmente la canzone riportava i nomi e i cognomi degli attori della vicenda, ma gli avvocati della Columbia Records convinsero il cantautore a realizzare una seconda versione priva dei riferimenti a persone realmente esistenti. Gli strumenti possono variare a seconda del live, ma generalmente sono chitarra, armonica e violino. Il ritmo è allegro, ma il testo è lungo e tagliente proprio perché sono molte le questioni da affrontare in questa canzone di denuncia.

La storia di Carter ha ispirato il film Hurricane, Il grido dell’innocenza, di cui il brano di Bob Dylan è naturalmente la colonna sonora.

Annunci

“Otello” al teatro Elfo Puccini di Milano

Articolo pubblicato su Lo Sbuffo.

otello_mg_4137-590x393

Dal 27 aprile al 20 maggio è in scena presso il teatro Elfo Puccini di Milano Otello di William Shakespeare, regia di Elio De Capitani e Lisa Ferlazzo Natoli. Lo Sbuffo ha già affrontato le caratteristiche della tragedia dell’affascinante moro di Venezia qui.
Otello è una tragedia che racconta la cieca gelosia che può insinuarsi all’interno della coppia e il male ingiustificato e diabolico impersonato da Iago, che non spiegherà mai le ragioni del suo odio profondo per il moro. L’opera tratta inoltre di razzismo, perché il protagonista, nonostante i suoi meriti, non sarà mai pienamente accettato a Venezia, e di misoginia, poichè Iago disprezza profondamente tutti i personaggi femminili in quanto donne.
La scenografia di Roberta Monopoli è minimalista e lascia allo spettatore il compito di immaginare i canali di Venezia e le vie dell’isola di Cipro, infatti è stato realizzato un “palcoscenico sul palcoscenico” costituito da teloni opachi e semitrasparenti, di cui gli attori cambiano la posizione mediante delle corde, come se fossero dei macchinisti. Si tratta di una scelta suggestiva che, secondo gli artisti, evocherebbe le emozioni dei personaggi. E’ stato particolarmente singolare il momento in cui l’ondeggiare dei teloni trasparenti sospesi in aria ha simulato la tempesta che ha distrutto la flotta turca. Altri elementi della scenografia sono una scala, su cui gli attori si arrampicano agilmente, e delle pedane, spostate sul palcoscenico dagli artisti al termine di ogni scena. Le luci hanno svolto un ruolo fondamentale, ricreando un’ambientazione di chiaro scuro.
La traduzione di Ferdinando Bruni si discosta dall’originale in inglese soprattutto perché sono stati inseriti parolacce e turpiloqui. Nel 1606 con la Profanity act vennero depurate tutte le numerose bestemmie presenti nell’opera, in particolare quelle pronunciate da Iago; probabilmente il traduttore ha voluto rievocare la prima versione, andata perduta. Il testo è moderno e scorrevole, in alcuni tratti simile al parlato, ma non per questo meno impegnativo: sono stati infatti mantenuti il ritmo lento e la profondità dei monologhi che rendono l’ascolto difficoltoso per un pubblico poco esperto. E’ singolare notare come sia stato mantenuto il testo in inglese della canzone intonata dai soldati ubriachi, per non perdere l’originale musicalità del testo. Sono state inserite alcune battute dal sapore moderno, come quando Desdemona flirta con Otello e alcune frasi pronunciate dal buffone.
Quest’ultimo personaggio in particolare è stato costruito con originalità poiché è caratterizzato da alcune movenze tipiche dell’Arlecchino, sebbene tale caratteristica sia evidente solo agli esperti conoscitori della Commedia dell’Arte.
I costumi sono moderni, ma non appartengono ad alcuna epoca in particolare. Le divise dei soldati sono costituite da giacca, pantaloni e fucile anziché spade, Desdemona è un’elegantissima fanciulla in tacchi e abiti lunghi sino al polpaccio, Bianca è una carnale odalisca vestita di rosso. I soli indumenti che rievocano l’epoca in cui è ambientata la tragedia sono quelli del padre di Desdemona.
Il fazzoletto che incrimina Desdemona compare in scena sin dall’inizio, infatti la ragazza esibisce orgogliosa il primo dono ricevuto da Otello. Per evidenziare il suo ruolo centrale nella vicenda è stato scelto un fazzolettone enorme e dai colori sgargianti, riccamente decorato e dai tessuti preziosi.
La rumoristica di sottofondo colpisce lo spettatore nel profondo, evocando il pathos nelle scene cruciali. Si tratta di rumori cupi e sinistri, proprio come la tragedia messa in scena.
Lo spettacolo dura tre ore intervallo escluso, pertanto avrebbero dovuto iniziare la rappresentazione prima delle venti e trenta, per consentire ai visitatori che non abitano nelle vicinanze di rincasare in tutta calma. Fatta eccezione per questo piccolo problema organizzativo, l’opera è stata un successo.

Io non posso entrare. Episodio di razzismo a Lissone

Questo articolo è stato pubblicato su Lo Sbuffo.

24098820_10215071144958387_2063963465_n-610x350

Il 19 novembre 2017 si è verificato al Lola Living Bar di Lissone (MB) un grave episodio di razzismo in quanto ad una famiglia multietnica non è stato consentito di entrare nel locale per un aperitivo. Abbiamo intervistato la protagonista dell’accaduto, Annebeatrice Adesanya, una studentessa di veterinaria prossima alla laurea classe 1992, di madre italiana e padre nigeriano.

Ciao Anne, ci racconti la tua versione dei fatti?

Il 19 novembre 2017 avevo intenzione di festeggiare il mio compleanno presso il Lola Living Bar di Lissone. Prima di presentarmi al locale ho effettuato la prenotazione telefonicamente, poi ho ribadito il numero dei miei invitati mediante un messaggio su Facebook e uno su Whatsapp. Vorrei sottolineare che nessuno mi aveva detto che per entrare in quel locale ci saremmo dovuti tutti vestire classici o eleganti. Ci siamo recati al locale, ognuno con mezzi propri e ci siamo incontrati all’esterno, nel parcheggio. Eravamo presenti io, mio fratello Anthony, la sua fidanzata italiana, il mio ragazzo Morad di origini marocchine, mia madre, una mia amica italiana e in seguito ci ha raggiunto mio padre.

Si è avvicinato il buttafuori del locale e ha chiesto se avevamo la prenotazione, noi abbiamo risposto di sì. Il proprietario è entrato nel locale, subito dopo è uscito e si è messo alla porta. Ci siamo avvicinati per entrare dopo che mio padre ci ha raggiunto, il buttafuori ci ha fatto aspettare cinque minuti fuori dopo aver detto che aveva già riferito all’interno della mia prenotazione . Io non ho mai detto il mio nome quindi lui non ha controllato la mia prenotazione. Ha detto che stavano controllando. Dopo cinque minuti mio fratello chiede di poter entrare all’interno del locale perché sente freddo. Fuori c’era una temperatura bassa. Il buttafuori ci ha detto che dovevamo continuare ad aspettare fuori. Ho chiesto spiegazioni riguardo alla prenotazione e mi ha risposto che il tavolo c’era ma non potevamo entrare. Abbiamo iniziato ad innervosirci. A questo punto è uscito il proprietario, che ha fatto parlare il buttafuori, il quale ha sostenuto che noi non potevamo entrare per problemi di abbigliamento. Sono stati presi di mira il mio ragazzo Morad e mio fratello Anthony. Il mio fidanzato era vestito con dei Jeans, delle scarpe Air Force basse nere e grigie, una giacca parca con maniche in pelle e verde militare e un cappellino. Mio fratello aveva pantaloni neri, scarpe bianche, giacca nera. Nel frattempo, nel locale entravano ragazzi vestiti in modo simile.

Ho chiamato i carabinieri, una signora ha chiesto quale fosse l’emergenza, ho risposto che non mi facevano entrare in un locale perché avevo pelle nera. Mi hanno passato i carabinieri che hanno chiesto di parlare con i proprietari del locale, i quali si sono rifiutati di rispondere. E’ arrivata una pattuglia. I carabinieri sono andati a chiedere spiegazioni all’interno mentre venivano registrati i documenti di un gruppo rappresentante per avere un verbale. I carabinieri si occupano non delle questioni legali ma di quelle penali (come una rissa, per esempio), di conseguenza non potevano intervenire se non per sottolineare il fatto che noi non eravamo potuti entrare all’interno del locale.

Il proprietario ha sostenuto che l’unico motivo per cui non ci avevano fatti entrare era il cappellino del mio ragazzo, ma mio fratello ha ribadito che il cappellino si poteva togliere senza problemi. Nonostante ciò, non hanno voluto che noi entrassimo.

Ma voi alla fine avevate il permesso di entrare e vi siete rifiutati di entrare in quanto offesi…

Esattamente.

Sei soddisfatta dell’intervento dei carabinieri?

Non  sono soddisfatta perché pensavo che potessero fare di più di un semplice verbale e oltre il constatare che io dentro quel locale non sono potuta entrare, però ho capito il loro punto di vista, mi hanno fatto intendere che il comportamento del proprietario del locale non era adeguato. Le loro parole testuali sono state: “Noi non potremmo sbilanciarci però…” Mi hanno consigliato di interpellare un avvocato per farmi sostenere in una causa.

Quali altri provvedimenti stai prendendo?

Io e la mia famiglia abbiamo deciso in comune accordo, in quanto erano tutti presenti, di prendere un avvocato. Oltre a questo abbiamo chiamato la stampa (Il cittadino). Seguendo il loro consiglio, ho mandato una mail all’UNAR, un’associazione contro le discriminazioni razziali, spiegando l’accaduto. Mi hanno risposto che mi appoggeranno e stanno valutando la questione per capire “chi deve fare cosa”. Ho inoltre inviato una segnalazione alle Iene e una a Striscia la notizia. Striscia mi ha risposto e mi ha fatto una breve intervista per valutare l’accaduto, mi ha chiesto se sono disposta ad apparire in volto.

Cosa speri di ottenere?

Delle scuse pubbliche, perché sono stata trattata come nessuno mi ha mai trattato in vita mia. E’ inaudito che nel 2017 ci siano discriminazioni del genere e spero che la mia sia un’azione di sensibilizzazione nei confronti di chi giudica una persona da come appare e dal colore della pelle. In Italia e nel mondo oggi ci sono tantissime persone di colore, non voglio che qualcuno valuti e stereotipizzi un essere umano per il colore della pelle perché, come non tutti i neri sono spacciatori o assassini, i napoletani non sono delinquenti,  gli zingari non ti fanno del male e via dicendo. Non vorrei che si facesse di tutta l’erba un fascio.

Che consiglio daresti a chi si trova in una situazione simile?

Prima di tutto di mantenere la calma anche se è molto difficile, perché vivendo un fatto simile in prima persona il primo istinto è quello di aggredire, perché è come se ti stessero violando in qualche modo. E’ umiliante. Da tutte le altre persone intorno poi c’è stata pochissima solidarietà. Se mi fossi trovata dall’altra parte sicuramente avrei detto o fatto qualcosa. Consiglierei anche di non fermarsi davanti a queste cose, di andare avanti e di denunciare.

Che atteggiamento adotti in simili situazioni?

Cerco di mantenere la calma, perché ho capito che l’ignoranza è molto difficile da combattere. Di fronte ad una persona ignorante, stupida e maleducata cerchi di mantenere la calma e di capire cosa sta succedendo.

Ti è mai capitato in passato un fatto simile?

E’ la prima volta che mi capita una cosa del genere. Sicuramente ho provato, ad esempio andando in una gioielleria, oppure entrando in un negozio molto costoso, che mi guardassero come se io non mi potessi permettere i loro prodotti. Però col tempo ho smesso di farci caso. E’ anche vero che sono stati casi molto isolati. Un evento come quello capitato a Lissone non mi è mai capitato.

Secondo te perché il locale ha adottato questo comportamento?

E’ una bella domanda, è una cosa a cui non so rispondere e sto aspettando che rispondano loro.

Secondo te perché accadono episodi simili?

Uno dei problemi principali sicuramente sono i media, perché come abbiamo visto negli ultimi tempi ci sono tantissimi telegiornali, social e politici che cercano di attribuire agli immigrati colpe che non hanno, come per esempio la mancanza di lavoro o la crisi economica.

Secondo te come potrebbe migliorare la situazione?

Migliorare la situazione è difficile, ma col tempo succederà, perché sempre più persone si troveranno a sposare e ad avere dei figli con persone che sono straniere. Aumenterà il numero della popolazione mulatta e si inizierà ad aprire gli occhi.

La situazione dei neri in Italia migliorerà quindi secondo te?

Sì, però anche l’Italia deve migliorare.

Mi fai qualche esempio di episodi in cui ti sei sentita accettata?

In tutte le discoteche di milano non ho mai avuto problemi ad entrare, a scuola mi sono sempre trovata bene con i professori, lo stesso vale per l’università. Non mi sono mai sentita inadeguata in una situazione per il colore della mia pelle.

Sei mai riuscita a cambiare l’opinione di una persona che ti stava discriminando?

No, perché raramente le persone ti discriminano.

Magari non una discriminazione palese, mi riferisco ad un atteggiamento un po’ “freddo” nei tuoi confronti.

Non ne ho mai incontrati. Riesco ad avere un buon rapporto con tutti.

Cosa vorresti dire ai padroni del locale?

Che hanno fatto una pessima figura. Che non hanno nemmeno avuto il coraggio davanti ai carabinieri di “continuare per la loro strada”, perché quando sono arrivate le forze dell’ordine hanno cambiato opinione. Non avrebbero dovuto per nessuna ragione cambiare punto di vista e mentire, perché non è corretto.

Pensi che la discriminazione in Italia influenzerà il tuo futuro?

E’ una cosa a cui ho pensato molte volte in realtà. Perché è una cosa che vivi, senti come parlano le persone in giro. Penso che da un lato potrebbe discriminarmi  e che il colore della mia pelle potrebbe essere un ostacolo, dall’altro ho fiducia che le cose cambieranno. Potrei tranquillamente trovare il lavoro dei miei sogni e andare avanti, per fortuna non tutte le persone sono uguali.

Cosa ti aspetti dalle istituzioni?

Mi aspetto appoggio, maggiore sensibilizzazione riguardo discriminazioni non solo razziali. E’ ovvio che il colore della pelle è il fattore più colpito, ma vengono colpite anche le persone meno abbienti, che hanno qualche disturbo, o che non riescono a socializzare con gli altri. Vorrei che si attuasse una politica di sensibilizzazione anche per questa causa.

La situazione all’estero secondo te è migliore?

Sì. Ho viaggiato molto, sono stata a Parigi, a Praga, a Berlino, e ho visto un popolo che è completamente diverso dal nostro. Ci sono un sacco di coppie miste, di persone di colore, che vanno in giro tranquillamente.

Tu non hai ancora utilizzato e forse non vuoi usare la parola razzismo. Si può usare in questo caso?

Secondo me sì. Questo è un vero e proprio razzismo. Anche se non detto esplicitamente perché naturalmente è un reato essere razzisti. Però questo è un esempio di quello che è in realtà il razzismo.

Scrive l’autrice di questo articolo:

Una piccola curiosità: l’amica italiana presente sul posto ero io,  e posso confermare la sua versione dei fatti. Conosco Annebeatrice da anni e mai mi sarei aspettata di assistere ad una scena simile. Mi sono vergognata di essere italiana e mi auguro che la percezione dei neri in Italia migliori per la mia amica, la sua famiglia e tutte le persone di colore nel nostro paese.

Esiste l’antirazzismo cattivo?

thumb_bundle2-31-tolleranza-e-razzismo-650x250_q95_box-00647249

Studiando il manuale Antropologia culturale di Fabio Dei per un’omonimo esame mi sono imbattuta in un capitolo che mi ha  sorpreso. Non sono esperta di diritti umani, ma ho sempre ritenuto l’antirazzismo la più doverosa, spontanea e genuina manifestazione di bontà che l’uomo possa offrire ad un suo simile. Potrete dunque immaginare il mio stupore quando ho letto che esistono forme negative di antirazzismo, che addirittura utilizzano lo stesso linguaggio del loro opposto, il razzismo.

 

Il mio manuale sostiene infatti che l’antirazzismo correrebbe il rischio non solo di usare gli stessi strumenti ideologici e culturali del razzismo, ma anche di riprodurre i medesimi meccanismi che caratterizzano il razzismo stesso, vale a dire:

  • L’essenzializzazione (un meccanismo per cui, per esempio, se molti zingari rubano, allora tutti gli zingari sono ladri, oppure, se molti musulmani violano i diritti delle donne, allora nessun musulmano rispetta i diritti delle donne);
  • la stigmazione, che consiste nell’esclusione simbolica dell’individuo discriminato, cui vengono inoltre attribuiti stereotipi negativi (ciò accade per esempio quando si afferma che i neri puzzano);
  • la barbarizzazione, ossia la considerazione del gruppo etnico come delle persone incivilizzabili e, per l’appunto, barbare.

L’antirazzista applicherebbe insomma queste tre categorie al razzista trasformandolo in un’entità nemica da neutralizzare, se non addirittura nel Male assoluto. In quest’ottica chiaramente l’antirazzismo rappresenterebbe viceversa il Bene assoluto e il mondo verrebbe diviso in bianco e nero, buoni e cattivi.

Analizzando i linguaggi dei media la realtà risulterebbe molto più complessa in quanto i pregiudizi razzisti sarebbero nascosti e spesso verrebbero involontariamente sostenuti anche da coloro che si dichiarano antirazzisti e che credono di vivere in una cultura aperta e tollerante. Gli stessi strumenti che effettuano tali analisi alla ricerca di fenomeni razzisti sotterranei avrebbero tuttavia un limite, vale a dire la tendenza ad individuare del razzismo occulto ovunque.
Spesso inoltre verrebbero realizzati dei discorsi antirazzisti che invece nasconderebbero in sé subdole e profonde intenzioni razziste. Ciò comporterebbe un rischio ben più grave, cioè che i destinatari del messaggio siano incapaci di riconoscere i vari livelli di pregiudizio.

Il manuale continua affermando che la nostra società, come tutte le altre, sarebbe costruita intorno alla distinzione tra “civiltà” e “barbarie”, “normalità” e “anormalità”, “buon gusto” e “cattivo gusto”. Tali categorie non avrebbero nulla di naturale e sarebbero in stretta relazione con la storia dell’Occidente e le sue pratiche di predominio sugli  altri popoli, ma proprio per questo motivo sarebbero inadatte a distinguere  ciò che è razzista da ciò che non lo è.

Sì pensi all’opposizione bianco/nero. Il primo, che identifichiamo nel colore della nostra pelle, rappresenta tutto ciò che è buono e puro mentre il secondo, che associamo ai popoli dalla pelle scura, è il simbolo del mare. Da tutto ciò nascono figure come il terribile uomo nero che spaventa i bambini, l’associazione del nero a tutto ciò che è male e demoniaco, modi di dire come “sono incazzato nero”.

 

La lettura di questo capitolo del manuale ha suscitato in me profonde riflessioni che vorrei condividere con voi. Siccome sono alla costante ricerca della verità non ho alcuna intenzione di proporre le mie opinioni come verità assolute, quindi sono più che disposta a mettermi costantemente in discussione, magari chiacchierando con voi nei commenti qui sotto.

Mi rendo conto che non è possibile sintetizzare la realtà semplicemente suddividendo i razzisti dagli antirazzisti con una linea retta, però ogni civiltà ha la tendenza a creare nel proprio immaginario collettivo dei demoni e degli eroi, pertanto non mi sembrerebbe un male (come sostiene invece il manuale) se la società demonizzasse i razzisti e gli considerasse alla stregua dei ladri, degli assassini o degli stupratori. Purché non ci si dimentichi che i pregiudizi e il razzismo si insinuano in modo molto sottile nella nostra cultura (proprio come ha affermato il manuale), mi sembra più che corretto identificare il nemico e avvertire la popolazione tutta della sua pericolosità. Per lo stesso motivo, l’antirazzismo andrebbe glorificato e chiunque lo promuova dovrebbe diventare un eroe al pari di Robin Hood e di Achille Pelide. Il perché abbiamo bisogno di eroi è molto semplice e può essere sintetizzato da questo aforisma: “Senza eroi, siamo tutti gente ordinaria, e non sappiamo quanto lontano possiamo andare.”
(Bernard Malamud).
Ho utilizzato il condizionale perché secondo me la nostra società tollera il razzismo, naturalmente nascondendosi sotto una maschera di diplomatico perbenismo. Non ho intenzione di esprimere il mio punto di vista sulla nostra società, torniamo al mio manuale di Antropologia culturale.

antirazzista_large1

Per quanto riguarda la faccenda relativa ai linguaggi dei media, io stessa una volta sono stata vittima della mia stessa cultura occidentale razzista. Nel corso di una partitella di Basket ho giocosamente sfidato le avversarie dicendo: – Vi facciamo nere! -. Peccato che nell’altra squadra era presente una ragazza nera. La mia amica non sì è offesa, tuttavia è stato molto imbarazzante. Naturalmente non ho pronunciato tale frase con il preciso intento di fare dell’umorismo sulla pelle di questa ragazza ma ho utilizzato una “frase fatta” senza riflettere sul suo significato perché stavo giocando a basket ed ero concentrata sulla partita, allo stesso modo in cui quando dico “sono giù di corda” non rifletto sull’etimologia di tale modo di dire (si tratta di un’affascinante origine che potete trovare qui).
Il manuale non tratta un aspetto molto grave, vale a dire il fatto che le persone dunque offendono senza accorgersene, rendendo ancora più subdolo il meccanismo razzista. Si tratta di un problema serio, che forse non si può risolvere nell’arco di una sola generazione, ma per il quale siamo tutti chiamati a lottare evitando in prima persona tutto ciò che appare discriminatorio.

Circa il razzismo sottointeso nei media, personalmente riesco a notare solamente quello relativo alla politica (nel caso di certi politici come Salvini non è nemmeno sottointeso ma è più che evidente, tuttavia non voglio dilungarmi in simili argomenti da salotto), perciò vi prego di segnalarmi nei commenti se avete notato dei messaggi mediatici simili, sarei lieta di discuterne insieme a voi.

Avete assistito ad un fenomeno di razzismo? Quali miglioramenti potremmo apportare alla nostra società per combattere il razzismo? Per qualunque altra curiosità che volete condividere, scrivete sotto: che il dibattito abbia inizio!

 

“Il buio oltre la siepe” di Lee Harper

81umkuqljyl

“Quasi tutti sono simpatici, Scout, quando finalmente si riesce a capirli”

In seguito alla morte di Lee Harper le librerie hanno riproposto sugli scaffali il suo capolavoro, Il buio oltre la siepe, così io ho colto l’occasione di acquistare il romanzo, pubblicato dall’Universale economica Feltrinelli, per recensirlo sul mio blog.

L’opera è stata pubblicata nel 1960 ed è il capolavoro di Lee Harper. Dalla vicenda narrata nel libro fu tratto nel 1962 un film diretto da Robert Mulligan, che vinse tre premi Oscar e il Gary Cooper Award a Cannes. Recentemente è uscito un romanzo che racconta un’avventura degli stessi protagonisti avvenuta negli anni successivi, ma scritta dalla Harper molto tempo prima. Lo aggiungo subito alla lista dei libri da leggere, ma dovrete aspettare qualche mese per la recensione.

Come suggerisce il titolo della collana, si tratta di un’edizione economica che costa 9,50 € e colpisce lo spettatore per il disegno in copertina, che non ha nulla a che vedere con il titolo italiano e consiste in un passerotto su un ramo in fiore. Lee Harper aveva scelto per la propria opera il titolo di To Kill a Mockingbird, che è intraducibile in italiano in quanto l’uccellino Mockingbird, diffusissimo negli USA, non esiste in Italia e non ha nome in italiano. Fu scelto così il titolo Il buio oltre la siepe, che non ha nulla a che vedere con il titolo originario. Entrambi i titoli si riferiscono a citazioni presenti all’interno del romanzo, più precisamente il primo significa che non bisogna sparare a creature pure e utili come gli usignoli (una regola imposta dal padre ai bambini protagonisti quando questi ricevettero in regalo dei fucili giocattolo), il secondo invece si riferisce al fatto che non bisogna temere le persone che non si conoscono (e non aggiungerò altro per non rovinare il finale della storia).

La vicenda è ambientata negli anni ’30 in Alabama, nell’immaginaria cittadina di Maycomb. Scout, la protagonista, racconta una triste vicenda accaduta quando era bambina e trascorreva gran parte del suo tempo scorrazzando per le strade con suo fratello Jem e l’amico Dill, indossando i pantaloni come un ragazzo. In particolare i tre ragazzi si divertivan a demonizzare il loro vicino di casa Boo Radley solamente perché non usciva mai di casa, aveva un passato losco e i tre ragazzi non conoscevano nulla di lui.
Siccome le prime pagine raccontano per lo più avvenimenti riguardanti dei bambini, il libro mi era parso più indicato a questa fascia d’età e avevo persino pensato di abbandonare la lettura. La stessa protagonista dopotutto viene paragonata nel retro di copertina ad Huckleberry Finn, noto protagonista di un libro per ragazzi, perciò ero intenzionata ad accantonare il romanzo per dedicarmi a letture più adulte. Per fortuna la curiosità mi ha invogliato a continuare a leggere.
Proseguendo nella lettura risulta evidente che l’opera tratta temi di straordinaria serietà e attualità come il razzismo nei confronti degli afroamericani, l’ipocrisia della società americana, il contrasto tra la purezza dell’infanzia e la crudeltà degli adulti, come dovrebbe funzionare la giustizia in un sistema democratico e l’educazione di ragazzi.
Il padre di Jem e Scout è un avvocato chiamato a difendere un nero ingiustamente accusato di stupro. La vicenda giudiziaria è filtrata attraverso il giudizio innocente della giovane narratrice e dei suoi amichetti, ignari di come sia la realtà nel mondo degli adulti. Il libro risulta vincente proprio grazie al contrasto tra le riflessioni della bambina, che spesso non riesce a comprendere il mondo degli adulti, e le verità che percepiscono i grandi, tra l’onestà  dei piccoli e la crudeltà dei grandi.

L’opera offre un affresco avvincente della società del sud degli Stati Uniti degli anni Trenta e critica aspramente non solo la suddivisione in bianchi e neri, ma anche quella tra ricchi e poveri, tra istruiti e analfabeti, tra famiglie che possono vantare un’antica genealogia e i nuovi ricchi. Lee Harper non si esprime esplicitamente contro il sistema in cui ha trascorso la propria infanzia, lascia invece che sia il suo racconto a persuadere il lettore ad abbracciare le proprie convinzioni.

Viene affrontato come tema secondario l’educazione delle bambine negli anni Trenta. Scout è un maschiaccio che indossa i pantaloni, gioca con i maschi e non subisce un’educazione femminile, scatenando il disappunto delle donne del paese e in particolare di zia Alexandra, che vorrebbe domarla e trasformarla in una signorina. Anche se non si tratta certo del tema principale del romanzo, è bene cogliere e apprezzare anche questo aspetto femminista.
Scout e Jem, educati da un padre vedovo che è un avvocato istruito e di ampie vedute, vengono trattati come individui raziocinanti e padroni del proprio destino, spesso scatenando l’ilarità di altri personaggi adulti che non considerano i bambini capaci di comprendere le spinose questioni degli adulti.

Nel corso del romanzo Scout, Dill e Jem resteranno affascinati dal loro vicino Boo Radley, così inizieranno a fantasticare sul personaggio e a creare spettacolini in cui l’uomo assume il ruolo di antagonista. Onde evitare di spoilerare il finale non vi racconterò ciò che accade nel racconto, sappiate solo che… non bisogna mai avere pregiudizi negativi su chi non si conosce.