“L’altra parte di me”, omosessualità a teatro per le scuole, intervista a Daniele Camiciotti

Articolo pubblicato su Lo Sbuffo.

obber_laltra_parte_di_me_cover_640x420

L’Associazione Teatro2 ha intenzione di portare nelle scuole l’adattamento teatrale di L’altra parte di me di Cristina Obber, la storia di due giovani ragazze che si innamorano e vivono la propria storia d’amore attraverso svariate difficoltà. Daniele Camiciotti, presidente e fondatore dell’associazione, ci ha parlato dell’iniziativa.

Ciao Daniele, raccontaci come è nata l’Associazione Teatro2.

L’associazione Teatro2 è nata nel 2002 a Milano ad opera di un gruppo di appassionati di teatro che ha voluto pensare ad un’associazione che avesse come punto di riferimento i giovani. L’associazione è attiva su diversi fronti: l’insegnamento del teatro nelle scuole tra Lombardia e Piemonte, corsi serali intermedi e avanzati, teatro extrascolastico.

Vi occupate spesso di tematiche sociali?

No, ma è capitato che ci occupassimo anche di tematiche sociali, abbiamo fatto per esempio uno spettacolo sulla mafia ambientato a Locri, un testo chiamato Sinfonia del diavolo sulla Shoah. Adesso è il turno di uno spettacolo a tematica LGBT con l’intento preciso di prevenire il bullismo omofobico nelle scuole.

Parlaci del progetto L’altra parte di me.

Il progetto L’altra parte di me è nato semplicemente leggendo l’omonimo libro. Un paio d’anni fa ho letto il romanzo, mi è piaciuto molto perché è attuale e vero, così ho deciso di contattare l’autrice per proporre un adattamento teatrale. A Cristina Obber l’idea è piaciuta, si è creata una grande sintonia. Abbiamo cercato negli anni scorsi dei finanziamenti, ma a vuoto, soprattutto perché in questo periodo le persone spendono poco così le attività culturali ne risentono. Da circa un mese è partita un’attività di crowdfunding per reperire soldi attraverso donazioni da privati o associazioni. Abbiamo bisogno di 10 000 euro per la prima e dieci rappresentazioni nei teatri di tutta Italia, per questo motivo la cifra è alta e ambiziosa.

Di cosa parla lo spettacolo?

Il tema centrale è essere se stessi e la storia d’amore. La trama segue la vita di due ragazze, è una storia di crescita fatta di esperienze positive ma anche negative come liti e prese in giro. Una delle ragazze, stufa di tutto questo parlare di sé, tappezza tutta una stanza con la parola “lesbica”. Alcune compagne di scuola mettono sul profilo Facebook della ragazza immagini di porno lesbico per prenderla in giro. Il finale è positivo, il messaggio che vuole passare l’autrice è che l’amore vince tutto. “Di amare non si decide, accade”, è frase che ricorre nel testo. Le ragazze superano le difficoltà grazie all’amore, che è un valore universale che va oltre il sesso, alla fine vengono accettate dai genitori e vivono una bella storia d’amore insieme.

Raccontaci qualche informazione sulla compagnia dell’Associazione.

La compagnia stabile è formata da uomini e donne che lavorano insieme da tanti anni, hanno appena prodotto l’Alcesti. L’altra parte di me è una produzione nuova, se riusciremo a raccogliere i fondi necessari faremo dei casting con nuovi attori e la produzione partirà da zero, anche perché noi abbiamo solo due donne nella compagnia, di età troppo matura per interpretare delle ragazze adolescenti.

Come mai avete scelto di parlare proprio di omofobia?

E’ un tema attuale e soprattutto vogliamo prevenire i fenomeni di bullismo omofobico che spesso avvengono nei contesti scolastici. Ci sono ragazzi che sono discriminati a causa del proprio orientamento sessuale in età adolescenziale. Abbiamo deciso di trattare questo tema spinoso per rendere consapevoli dell’origine di queste discriminazioni e fare un discorso di accettazione. Anche recentemente c’è stato un caso di bullismo e si sono verificati dei suicidi. Cerchiamo di partire dalle scuole parlare di apertura e soprattutto per passare l’idea che è profondamente sbagliato essere discriminati per il proprio orientamento sessuale, una persona deve essere libera di essere se stessa, di parlare, di confrontarsi e di acquisire maggiore consapevolezza e rispetto.

Come mai proprio il libro della Obber?

Perché l’ho letto casualmente e mi è piaciuto molto, ha un li linguaggio giovanile, fresco e diretto. Siccome mi occupo per lavoro di teatro per ragazzi ho deciso di unire le due cose. Inoltre non ci sono molti testi che trattano di tematiche adolescenziali legati al mondo delle lesbiche, è una tematica poco affrontata nella letteratura. Si trovano per lo più libri su storie d’amore tra adulte.

Avete già preso contatti con le scuole?

Non abbiamo ancora preso contatti perché la produzione partirà solo se raggiungeremo un budget specifico. Prenderemo però contatti in seguito. La prima si terrà a giugno a milano, ma poi lo spettacolo verrà proposto all’interno dei contesti scolastici. Ci aspettiamo reazioni positive, come quelle che l’autrice ha riscontrato presentando il proprio romanzo nelle scuole di tutta Italia. E’ stato affermato che era ora che ci fosse qualcuno che parlasse di queste tematiche impegnative all’interno dei contesti scolastici perché sono argomenti che non si affrontano tutti i giorni. Io mi aspetto una reazione positiva e di accettazione a questo spettacolo.

Non avete paura che qualcuno vi accusi di portare il gender nelle scuole?

Non abbiamo paura. Mi rendo conto che è una tematica spinosa che potrebbe dar fastidio. Francamente non mi interessano le reazioni perché io considero questo tema molto importante e penso che far prevenzione e far conoscere queste tematiche legate al bullismo omofobico sia fondamentale, lo considero una necessità in un momento come questo in cui i fenomeni di bullismo sono in grande misura presenti. So che ci sarà qualcuno che storcerà il naso, che ci bollerà come eretici e che ci caccerà con dell’acqua santa. Supero però queste cose perché sono molto motivato, credo molto nel testo e nell’adattamento teatrale e ritengo che sia fondamentale trattare di questi temi. Se incontrerò delle persone che storceranno il naso o mi diranno che non sono interessati, benissimo, ci rivolgeremo altrove.

Avete modificato la trama nell’adattamento teatrale?

No, il testo mi è piaciuto molto. Abbiamo fatto modifiche minime legate all’adattamento teatrale. E’ difficile rendere a teatro per esempio il mare o alcuni contesti che ci sono nel libro. Siamo stati molto fedeli nel complesso. Abbiamo anche ripreso parti del testo.

Annunci

Carol (il romanzo)

cover_of_the_price_of_salt_by_claire_morgan_-_bantam_1148_1953

Da qualche mese avevo intenzione di leggere un libro a tema LGBT e la scelta è caduta sul romanzo Carol del 1952, da cui recentemente è stato tratto l’omonimo e celeberrimo film del 2015, per saziare questa mia semplice curiosità.

Anziché procurarmi il volume cartaceo, ho scelto di acquistare l’e-book su Amazon.it per leggerlo di nascosto sul mio Kindle in quanto mi vergognavo delle mie letture, non le avrei confidate nemmeno al mio ragazzo. In seguito mi sono pentita di non essere stata più coraggiosa, non c’è nulla di cui vergognarsi a leggere un romanzo e il giudizio della gente, compresi i più bacchettoni, mi lascia indifferente.

Non sono molto pratica di questioni LGBT, le mie scarse conoscenze derivano dal canale Youtube Cimdrp, che mi interessa più per le generiche tematiche relative al femminismo. Chiedo dunque perdono per l’ingenuità con cui ho intrapreso la lettura di tale romanzo e per qualche eventuale imprecisione. Tuttavia anche la mia opinione ha un valore perché è giusto che anche gli eterosessuali si interessino di storie come quella che vado a raccontarvi.

Il titolo originale del romanzo è The price of salt, ma successivamente è stato modificato in Carol; il nome dell’autrice è Patricia Highsmith, che inizialmente pubblicò il romanzo con lo psedonimo Claire Morgan perché il suo genere prediletto era il poliziesco, un tema troppo differente dall’amore tra donne. Prima di tale romanzo, l’autrice aveva pubblicato un solo romanzo giallo.

New York, anni ’50. La protagonista è Therese, una scenografa orfana di diciannove anni fidanzata con Richard che, per racimolare qualche soldo, lavora in un grande magazzino nel reparto giocattoli nel periodo natalizio. E’ proprio durante il lavoro che incontra Carol, una bellissima donna bionda e impellicciata che cerca una bambola per la propria figlia. Therese si innamora perdutamente e, dopo aver trovato un modo per instaurare un contatto con la donna, tra le due si instaura un rapporto di amicizia. Therese lascia Richard e parte in viaggio per l’Ovest con Carol, durante la vacanza le dichiara il proprio amore e le donne iniziano una relazione amorosa.

Purtroppo Carol sta divorziando dal marito e sta lottando per la custodia della figlia. Un investigatore privato pedina la coppia e registra le loro conversazioni private in quanto il marito di Carol vuole sfruttare la sua relazione con Therese per avere la bambina tutta per sè. Carol è costretta ad interrompere il viaggio per affrontare la situazione, Therese invece ritarda il ritorno in preda allo sconforto. La lontananza da Carol la fa maturare molto, inoltre ottiene dei successi lavorativi come scenografa. Le due donne si incontrano nuovamente a New York: Carol non ha ottenuto la custodia della bambina ma chiede a Therese di andare a vivere con lei. La scenografa inizialmente si rifiuta e prende in considerazione l’ipotesi di provarci con un’attrice, poi però ritorna da Carol e il romanzo si conclude con un lieto fine.

Nella prima parte dell’opera non accade nulla, viene semplicemente raccontato quanto Therese sia segretamente innamorata di Carol e come il suo rapporto con Richard sia in crisi. La narrazione è molto lenta e spesso si sofferma su particolari secondari, ma analizza a fondo la psicologia dei personaggi. Nella seconda parte il racconto si anima, anche se spesso evita di soffermarsi sulle scene più interessanti in favore di una narrazione più monotona e lineare.

Viene descritta una sola scena di sesso con estrema dolcezza e tenerezza. Anziché dedicarsi all’atto fisico compiuto dalle due donne, l’autrice racconta le loro emozioni, rendendo in questo modo la scena accessibile a tutti, anche a coloro che provano disagio nei confronti degli atti omosessuali. Dopotutto, le emozioni sono universali ed è impossibile non commuoversi di fronte all’amore! Per avere un giudizio sull’efficacia della rappresentazione del rapporto omosessuale tra le protagoniste però servirebbe il parere di una ragazza lesbica, non certo il mio.

Leggere questo libro mi ha fatto capire quanto sono fortunata a non appartenere a nessuna minoranza, le sole discriminazioni che ho subito riguardano il fatto di essere donna. Sono contenta che la situazione per le madri lesbiche sia migliorata rispetto agli anni Cinquanta e spero che la società progredisca ulteriormente.

Al termine del romanzo, l’autrice racconta alcune informazioni interessanti sull’opera. Il suo iniziale editore non volle pubblicare Carol, così l’autrice dovette faticare per trovare qualcuno disposto a farlo. L’idea dell’opera nacque mentre la scrittrice lavorava in un grande magazzino nel reparto bambole nel periodo natalizio e dovette servire una sofisticata signora bionda e impellicciata. Il libro riscosse uno straordinario successo soprattutto nell’edizione tascabile, che vendette quasi un milione di copie. Il pubblico sostenne l’autrice inviando numerose lettere in cui soprattutto ringraziavano per aver scritto un romanzo a lieto fine in un periodo in cui le storie relative agli omosessuali dovevano sempre concludersi con la morte, la redenzione o l’infelicità dei protagonisti.

Adesso che ho soddisfatto la mia curiosità, non credo che cercherò altri romanzi a tema di proposito. Se mi capiterà di imbattermi in un bel libro LGBT non esiterò a leggerlo, l’importante è che si tratti di un bel racconto. Una cosa è certa: non esistono romanzi etero e romanzi gay, esistono soltanto i libri.