Una piccola sportiva

Questo articolo ha partecipato al concorso letterario “Il racconto nel cassetto” e purtroppo non ha vinto. In un post precedente troverete la prima versione del racconto. E’ dedicato ad un vecchio amico che non ce l’ha fatta, che rimarrà fermo per sempre ai suoi venticinque anni mentre la mia vita proseguirà. Ringrazio il mio ragazzo, che mi sprona sempre a scrivere quello che provo e a sperare di vincere qualche concorso letterario. Non sono orgogliosa di questo articolo perché il ritmo è troppo lento, ma spero che vi piaccia.

bambina-che-gioca-a-calcio-colorear

Vittoria camminava a passettini svelti stringendo la mano della mamma e compiacendosi dell’orlo della gonnellina che strusciava contro le proprie gambe. Il vestito estivo non era particolarmente elegante per consentire alla bambina di giocare al parco con l’amica e il fratellino ma, ogni volta che lo indossava, Vittoria si sentiva comunque una principessa. Il vestito inoltre era rosso, il suo colore preferito, e aveva degli adorabili fiocchetti cuciti in vita con cui Vittoria si sentiva bellissima. La mamma appoggiava la mano libera sulla schiena del fratellino Lorenzo, che trasportava faticosamente, con entrambe le braccine, un pallone più grande di lui.

  • – Mamma, posso farti una domanda? – chiese timidamente Vittoria mentre cercava di camminare senza calpestare i bordi delle mattonelle
  • – Dimmi, Vicky
  • – Perché Francesca non può giocare a calcio? –

La mamma sospirò. – Francesca può giocare a calcio, può fare tutti i giochi che desidera. –

  • – Allora perché non la iscrivono a scuola di calcio? – insistette la bambina

La donna restò un attimo in silenzio, trattenendo una smorfia di disappunto e cercando disperatamente di evitare un argomento così fastidioso. Non riuscì a trovare alcuna scusa plausibile, così dovette rispondere suo malgrado la verità. – Perché è una femmina.

Vittoria rise. – Allora perché non la iscrivono a una scuola di calcio femminile?

  • – Di fatto non c’è nulla di male se a una bambina piacciono i giochi da maschio, però la gente la guarderebbe male. Non sta bene: le sue compagne di classe la prederebbero in giro. Un conto è consentirle di giocare con i suoi amichetti a calcio ogni tanto, ma iscriverla a scuola di calcio sarebbe troppo. Potrebbe giocare in una squadra femminile, certo, ma qui intorno non ce ne sono. Sono pochissime le bambine che giocano a calcio.

Francesca sussultò, sinceramente dispiaciuta ed irritata per la risposta della madre. – Ma mamma, a Francesca il calcio piace tantissimo, lei vorrebbe smettere di giocare a basket per iscriversi a scuola di calcio.

  • – La sua mamma non vuole, Vicky, e io sono d’accordo con lei – affermò la mamma spazientita, sperando di concludere la conversazione assumendo un tono autoritario
  • – Ma come?? Se io ti chiedessi di giocare a calcio tu non mi faresti felice?

La mamma non rispose subito, per qualche secondo si sentirono solamente i loro passi sulla ghiaia del vialetto.

  • – Per fortuna tu non sei una bambina come Francesca. A te piacciono le bambole e i vestitini

Vittoria si gonfiò di orgoglio e, felice di fare un dispetto la mamma, disse – Nella mia squadra di pallacanestro ci sono un sacco di maschi. A me piace giocare con il mio fidanzato.

La madre rise di gusto. – Ma certo, a scuola di basket giocano sia i maschi sia le femmine. E io sono felice di avere una figlia scatenata come te, che affronta i ragazzi a testa alta e riesce a giocare con loro senza particolari problemi.

Vittoria non aveva affatto intenzione di arrendersi. – Lo sai che io e Francesca giochiamo a calcio insieme?

La madre si spazientì. – Ascoltami bene. Ti ho iscritta a pallacanestro perché sei alta e grintosa, inoltre quando hai provato a frequentare danza e ginnastica artistica eri terribilmente goffa. Tu non sai giocare a calcio, sei una frana, perciò smettila immediatamente di atteggiarti da maschiaccio.

La donna si arrestò di fornte ad una graziosa villetta con giardino e i bambini si fermarono obbedienti al suo fianco. – Eccoci, siamo arrivati. Aspettiamo Francesca e la sua mamma qui. Smettiamola con questi discorsi, mi raccomando, non è educato.

 

La villa, dall’altro lato della strada rispetto al condominio di Vittoria, era particolarmente elegante e aveva un piccolo giardino con dei cespugli fioriti e ben potati. I bambini si avvicinarono al cancello per cercare i scorgere qualcuno dei numerosi gatti appartenenti ai padroni di casa, ma in quel momento erano tutti altrove.

Francesca e la madre uscirono dopo qualche minuto dal portone della villetta inseguite da un gattino dalla pelliccia scura e raggiunsero i tre sorridendo. Francesca portava con se un pallone ma, non appena vide che Lorenzo ne aveva portato uno con sé, lo gettò in un angolo del prato. La piccola aveva un caschetto biondo e un sorriso simpatico, indossava una maglietta a tinta unita e un paio di jeans adatti al gioco che non celavano il suo disinteresse per fiocchi e vestitini. Vittoria voleva molto bene a Francesca, inoltre era a proprio agio nel frequentare una bambina dai gusti sportivi perché aveva la possibilità di essere la migliore nella cura dell’abbigliamento (un gioco che la appassionava molto, sebbene chiedesse sempre aiuto alla mamma quando doveva scegliere cosa indossare) senza necessariamente far sentire inadeguata la propria amica; tuttavia la bambina non era pienamente consapevole delle proprie emozioni poiché era troppo giovane per comprenderle, tutto ciò che sapeva era che amava trascorrere i pomeriggi con Francesca giocando nel parchetto comunale.

Vittoria e Francesca si conoscevano perché erano vicine di casa e, come tutti i bambini troppo piccoli per gestire le relazioni interpersonali al di fuori della scuola, erano diventate amiche per volontà delle loro mamme, ma avevano stretto uno di quei rapporti sinceri e disinteressati che possono nascere solo durante l’infanzia. Inizialmente le bimbe si erano squadrate con diffidenza poiché avevano interessi differenti, ben presto però scoprirono di essere affascinate dalle reciproche differenze e sbocciò un sentimento bellissimo. Francesca era di un anno e qualche mese più grande, ma Vittoria sembrava una sua coetanea grazie alla statura elevata e ad un’ottima proprietà di linguaggio, perciò era perfettamente in grado di tenerle testa durante il gioco.

Il piccolo Lorenzo si adeguava ai giochi delle bambine più grandi con qualche difficoltà, dovuta alla differenza di età ed alla gelosia che Vittoria provava nei suoi confronti, ma era abituato a seguire ovunque la sorella maggiore e le sue amiche senza protestare. Minuto, dolce e introverso, il suo carattere era differente rispetto a quello delle due bambine, inoltre il piccolo si ostinava di imitare costantemente la sorella maggiore in tutto ciò che faceva, provocando suo malgrado l’irritazione della ragazzina.

 

Non appena il gruppo ebbe raggiunto il parchetto, le signore si sedettero su una panchina all’ombra e i bambini iniziarono a scorrazzare. La prima attività cui si dedicarono fu scalare gli scivoli al contrario, arrampicandosi con le braccia esili ma incredibilmente forzute e allenate per la giovane età, mentre il parco risuonava delle loro risa. Ben presto lo scivolo perse ogni interesse l’attenzione dei bambini fu attirata da un albero possente e nodoso, i cui ampi rami potevano facilmente trasformarsi in una nave pirata.

Nonostante Francesca fosse la più grande e si mostrassse molto paziente e protettiva nei confornti dell’amica, i giochi erano organizzati da Vittoria, i cui sforzi per eguagliare l’amica in agilità e velocità erano notevoli. La bimba era consapevole che per divertirsi insieme a Francesca avrebbe dovuto proporre giochi movimentati così, mossa da sincero affetto per lei, si adeguava ai suoi gusti senza che ciò comportasse chissà quale sacrificio: dopotutto, anche lei amava tali attività. Lorenzo ammirava incondizionatamente la forza e il coraggio delle ragazzine e tentava di attirare la loro attenzione con pericolose acrobazie effettuate dondolandosi dai rami più alti, ma non otteneva alcun risultato.

Non appena le due bimbe trovarono due bastoni di sufficiente grandezza scesero dall’albero e improvvisarono un duello di scherma:Vittoria impersonava una bellissima guerriera di cui seguiva le puntate in televisione, Francesca invece il Power Ranger rosso. Purtroppo le urla delle combattenti attirarono più volte l’attenzione delle mamme, che le richiamarono all’ordine: il nuovo gioco era troppo pericoloso per due femminucce.

  • – Anche Lorenzo sta giocando con un bastone! – protestarono le piccole.

Lorenzo aveva individuato nell’erba alta un grosso bastone e stava tiirando di scherma contro un avversario immaginario, ma le due madri non sembravano preoccupate per l’incolumità del bambino: dopotutto i maschi devono sfogare in qualche modo la propria innata aggressività. Le bambine protestarono, non riuscivano a comprendere come mai fossero state sgridate mentre il medesimo comportamento era tollerato se attuato da Lorenzo.

  • – Ho detto no! – la madre di Vittoria interruppe la figlia – Perché non fate un altro gioco? Guardate, Lorenzino ha portato una palla, potreste giocare a Schiaccia sette.

La sola dei tre cui piaceva la pallavolo era Vittoria, perciò Lorenzo e le bambine iniziarono a giocare a calcio. Vittoria era svantaggiata perché aveva poca dimestichezza con il calcio, ma era una ragazzina molto competitiva e riuscì a resistere alla meglio ad alcune azioni di Francesca. Vittoria era molto orgogliosa e avrebbe preferito essere in grado di sconfiggere l’amica, ma il gioco era troppo divertente per interromperlo con un litigio, così continuò a rincorrere la palla spensierata. La bambina però non accettava di essere sopraffatta dal fratello minore, più esperto di lei nell’arte del pallone, così i due bambini iniziarono a litigare e le mamme dovettero intervenire per ripristinare la pace.

 

  • – Ma perché dovete sempre fare i maschiacci? – chiese la mamma di Francesca, senza aspettarsi alcuna risposta
  • – Vittoria, avvicinati, devo rifarti la coda. Guardati, sei tutta spettinata. – ordinò l’altra donna attirando dolcemente a sé la figlia per un braccio.

Effettivamente sugli occhi di Vittoria ricadevano innumerevoli ciocche arruffate e il misero codino pendeva storto sulla sua nuca. La bambina accettò sbuffando di farsi pettinare, essendo impaziente di tornare a giocare: essere belle era importante, ma talvolta era altrettanto divertente correre libera, senza alcuna limitazione dovuta alla salvaguardia dell’aspetto esteriore. Vestirsi da principessa era appassionante quanto lo sport e quando giocava a calcio o a pallacanestro l’estetica assumeva un’importanza secondaria, eppure non per questo si sentiva meno femminile.

  • – Che bei capelli, Vittoria! – sospirò la mamma di Francesca e l’altra donna cinguettò orgogliosa un ringraziamento mentre armeggiava con i lunghi capelli ricci della figlia.
  • – Francesca, guarda com’è bella la tua amica. Non vorresti avere dei capelli lunghi come i suoi?- domandò ancora la madre

Francesca chinò il capo imbronciata e inarcò le spalle, facendosi piccola sulla panchina e nascondendo gio occhi tristi sotto il caschetto biondo. La madre, pur avendo notato la reazione della piccola, non aveva alcuna intenzione di cambiare argomento.

  • – E guarda che bel vestito rosso indossa! Sembra una bambolina. Stasera ne metti uno anche tu?

Vittoria era confusa. Inizialmente si era sentita onorata per i complimenti ricevuti, ma gli occhi angosciati e offesi dell’amica la inquietavano e la facevano sentire in colpa. Aveva sempre considerato Francesca una ribelle per il suo disinteresse nei confronti dei giochi prediletti dalle bambine, una persona che aveva scelto deliberatamente di opporsi al sistema assumendo alcuni comportamenti da maschio, eppure in certi momenti aveva l’impressione che la sua amica non avesse scelta e che soffrisse per le critiche che riceveva costantemente dagli adulti solamente perché aveva gusti differenti rispetto alle amichette.

Vittoria tuttavia era solo una bambina di sei anni e mezzo perciò non voleva sottrarre del tempo prezioso al gioco con simili riflessioni. Non appena la madre ebbe terminato di pettinarla, prese la mano di Francesca e la guidò verso le altalene, dove iniziarono a giocare a Ce l’hai. Inizialmente Francesca era malinconica per le critiche ricevute, ma presto dimenticò il brutto momento e si dedicò interamente al gioco sino alla fine del pomeriggio.

 

Francesca era una bambina rapida e scattante mentre Vittoria faticava a sostenere il suo passo, così per riuscire a toccarla doveva bloccarla con le spalle contro la rete del parco. Purtroppo, durante la corsa, Vittoria perse l’equilibrio inciampando in una radice e travolse il povero Lorenzino. La bimba si rialzò immediatamente, pronta a ripartire all’inseguimento, mentre il fratellino restò a terra in lacrime. La madre dei due bambini accorse e abbracciò Lorenzino.

  • – Forza, cucciolo, non piangere, sei un ometto! – so voltò poi verso Vittoria e sussultò – Vicky, tesoro, ti sei fatta male?
  • – No, tranquilla, mamma. – la rassicurò serenamente la bambina. La donna la guardò dubbiosa, cercando di scorgere segni di sofferenza nella figlia. – No, mamma, tranquilla, è tutto ok . – insistette la bambina.

Lo sguardo di sua madre si incupì. – Guarda, hai bucato l’orlo della gonnellina! Ti avevo detto di non correre troppo velocemente.

Vittoria era sinceramente dispiaciuta di aver rovinato uno dei suoi vestiti preferiti, tuttavia era anche irritata dal comportamento della madre, che insisteva sempre affinché Vittoria fosse perfettamente in ordine anche durante le attività più movimentate. Vittoria era sicura che la donna avrebbe preferito che la figlia perdesse a Ce l’hai ma restasse impeccabile come una bambola, mentre la bambina avrebbe voluto  sacrificare l’estetica per qualche minuto per divertirsi e competere contro Francesca.

 

La sera giunse in un baleno, così Francesca e Vittoria si salutarono con la promessa di rivedersi  dopo cena per giocare nel giardino della villetta. Attraversando la breve via che conduceva a casa, vittoria chiese alla madre:

  • – Mamma, stasera devo incontrare Francesca per giocare. Me lo ricordi tu?
  • – Si, certo, amore. Ti sei divertita oggi?
  • – Sì. Mi piace molto giocare con Francesca – rispose senza esitazioni la bambina.
  • – Non ti sembra di aver partecipato a giochi troppo … movimentati?
  • – E’ stato bello. –
  • – Non avete fatto altro che scorrazzare tutto il tempo. Tu e Francesca siete peggio di due maschi. Inoltre ti sei comportata malissimo con Lorenzo: hai litigato con lui mentre giocavate a calcio e lo hai fatto cadere verso la fine del pomeriggio.

Vittoria non rispose, accettò il rimprovero in silenzio e continuò a camminare. Non si sentiva un maschio, anzi, era una signorinella convinta, ma non sapeva come spiegare alla madre che per lei non esistevano giochi da maschio o da femmina e che la femminilità è un valore che si porta nel cuore. Nonostante le proprie convinzioni, sentiva di aver commesso un errore, qualcosa di sbagliato e di terribilmente vergognoso, ma non riusciva a comprendere di cosa si trattasse. Per la prima volta in vita sua Violetta sperimentò il disagio e l’inadeguatezza: non ne comprendeva il motivo, ma aveva imparato che le bambine che amavano i giochi da maschio erano cattive, mentre praticare attività femminili rende una bambina, una ragazza o una donna più bella e amata da tutti.

 

Era una piacevole serata estiva e le ore trascorsero serenamente: papà tornò a casa dal lavoro, mamma cucinò un ottimo pranzetto, Vittoria si ritirò in camera sua per giocare con le bambole sino a quando calò il buio. La bambina dimenticò le critiche della madre e i malinconici occhi di Francesca mentre veniva criticata e si dedicò interamente alle sue piccole amiche di plastica, immergendosi in un mondo in cui gli adulti non potevano imporre regole strane e incomprensibili ai bambini, in cui anche le femmine potevano giocare a calcio e i vestitini non si strappavano mai, nemmeno quando si inciampava giocando a Ce l’hai. Improvvisamente dalla finestra aperta si udì un lamento.

  • – Perché Vittoria non è venuta a giocare con me? Avevamo un appuntamento! Io voglio giocare con Vittoria.

Vittoria non ebbe alcuna difficoltà a riconoscere a chi appartenesse quella voce: le urla di Francesca erano talmente forti da attraversare la strada e giungere alla sua finestra. Vittoria trattenne il respiro per un istante, attanagliata dal senso di colpa, poi corse dalla madre.

  • – Mamma, ho un appuntamento con Francesca, dobbiamo giocare insieme. Sono in ritardo!
  • – Sarà per un’altra volta, amore. – rispose la donna accarezzando il viso imbronciato di Vittoria
  • – Avevi promesso che mi avresti chiamato. – protestò la bambina con le lacrime agli occhi
  • – Eh, mi sono dimenticata.
  • – Domani io e Francesca possiamo giocare insieme?
  • – Vedremo …

Vittoria scoppiò a piangere e la madre, non sapendo cosa rispondere, cercò di abbracciarla, ma la figlia se ne andò in camera sua, chiudendosi rumorosamente la porta alle spalle. La piccola si gettò sul letto e iniziò a piagnucolare ad alta voce per tentare di commuovere la mamma, ma fu tutto inutile. Intorno a lei c’erano solo il silenzio e gli occhi immobili delle sue bambole.

Vittoria aveva da poco smesso di piangere quando la porta della sua stanza si aprì lentamente e dei passi rapidi e leggeri entrarono nella cameretta.

  • – Vicky, giochi con me con le macchinine? – chiese Lorenzo porgendole un’automobilina.

Vittoria l’afferrò. Era una piccola Ferrari rossa lucente, grande come il palmo della sua mano. Le lamiere di metallo che rivestivano il telaio di plastica erano fredde sulla pelle e le gommine dei copertoni invitavano a fare sfrecciare il piccolo bolide sul palchet della stanza, i cui innumerevoli solchi testimoniavano tutte le volte che i due bambini avevano combinato qualche marachella.

Vittoria scagliò la Ferrari contro la parete della stanza. – No, Lorenzo, è un gioco da maschio, noi non giocheremo mai più insieme alle macchinine – urlò singhiozzando – Vai via, lasciami sola! Violetta pianse nuovamente, questa volta le sue lacrime erano autentiche.

Dopo quel pomeriggio Vittoria e Francesca non avrebbero più giocato insieme. I bambini nei primi anni delle elementari non sono in grado di darsi appuntamento per giocare insieme senza l’intervento delle madri, così Vittoria e Francesca  non si sarebbero mai più riviste, salvo durante rapidi e sporadici incontri casuali. Vittoria avrebbe colmato il vuoto con altre amicizie o inventando nuovi giochi, ma non avrebbe mai dimenticato la spensieratezza e l’affetto che aveva provato giocando con la sua amica Francesca.

 

Vittoria attraversava il chiostro dell’università ancheggiando sui tacchi, mentre chiacchierava con qualche amica e il fidanzato. Il sole di primavera proiettava le ombre oblique delle colonne di marmo sulle antiche mattonelle della pavimentazione e sarebbe stata una giornata spensierata se non fosse stato per gli esami incombenti.

Improvvisamente una voce la chiamò alle sue spalle: – Ciao, Vicky!.

La giovane sì voltò e incontrò lo sguardo di un ragazzino perfettamente sbarbato dall’aria simpatica.

  • – Ci conosciamo? – domandò educatamente la ragazza.
  • – Sì, tanto tempo fa giocavamo insieme – rispose il ragazzo sfiorandosi i capelli biondi ordinatamente spettinati col gel.
  • – Mi spiace ma non ricordo – si scusò Vittoria – per caso hai frequentato le mie stesse scuole medie?
  • – Sì, anche le elementari, ma in classi differenti. Poi mi sono trasferito…
  • – Impossibile, probabilmente ti sbagli perché non mi ricordo affatto di te.

Il ragazzo sorrise malinconico e la guardò dritto negli occhi.

  • – Mi chiamo Francesco.

 

Carol (il romanzo)

cover_of_the_price_of_salt_by_claire_morgan_-_bantam_1148_1953

Da qualche mese avevo intenzione di leggere un libro a tema LGBT e la scelta è caduta sul romanzo Carol del 1952, da cui recentemente è stato tratto l’omonimo e celeberrimo film del 2015, per saziare questa mia semplice curiosità.

Anziché procurarmi il volume cartaceo, ho scelto di acquistare l’e-book su Amazon.it per leggerlo di nascosto sul mio Kindle in quanto mi vergognavo delle mie letture, non le avrei confidate nemmeno al mio ragazzo. In seguito mi sono pentita di non essere stata più coraggiosa, non c’è nulla di cui vergognarsi a leggere un romanzo e il giudizio della gente, compresi i più bacchettoni, mi lascia indifferente.

Non sono molto pratica di questioni LGBT, le mie scarse conoscenze derivano dal canale Youtube Cimdrp, che mi interessa più per le generiche tematiche relative al femminismo. Chiedo dunque perdono per l’ingenuità con cui ho intrapreso la lettura di tale romanzo e per qualche eventuale imprecisione. Tuttavia anche la mia opinione ha un valore perché è giusto che anche gli eterosessuali si interessino di storie come quella che vado a raccontarvi.

Il titolo originale del romanzo è The price of salt, ma successivamente è stato modificato in Carol; il nome dell’autrice è Patricia Highsmith, che inizialmente pubblicò il romanzo con lo psedonimo Claire Morgan perché il suo genere prediletto era il poliziesco, un tema troppo differente dall’amore tra donne. Prima di tale romanzo, l’autrice aveva pubblicato un solo romanzo giallo.

New York, anni ’50. La protagonista è Therese, una scenografa orfana di diciannove anni fidanzata con Richard che, per racimolare qualche soldo, lavora in un grande magazzino nel reparto giocattoli nel periodo natalizio. E’ proprio durante il lavoro che incontra Carol, una bellissima donna bionda e impellicciata che cerca una bambola per la propria figlia. Therese si innamora perdutamente e, dopo aver trovato un modo per instaurare un contatto con la donna, tra le due si instaura un rapporto di amicizia. Therese lascia Richard e parte in viaggio per l’Ovest con Carol, durante la vacanza le dichiara il proprio amore e le donne iniziano una relazione amorosa.

Purtroppo Carol sta divorziando dal marito e sta lottando per la custodia della figlia. Un investigatore privato pedina la coppia e registra le loro conversazioni private in quanto il marito di Carol vuole sfruttare la sua relazione con Therese per avere la bambina tutta per sè. Carol è costretta ad interrompere il viaggio per affrontare la situazione, Therese invece ritarda il ritorno in preda allo sconforto. La lontananza da Carol la fa maturare molto, inoltre ottiene dei successi lavorativi come scenografa. Le due donne si incontrano nuovamente a New York: Carol non ha ottenuto la custodia della bambina ma chiede a Therese di andare a vivere con lei. La scenografa inizialmente si rifiuta e prende in considerazione l’ipotesi di provarci con un’attrice, poi però ritorna da Carol e il romanzo si conclude con un lieto fine.

Nella prima parte dell’opera non accade nulla, viene semplicemente raccontato quanto Therese sia segretamente innamorata di Carol e come il suo rapporto con Richard sia in crisi. La narrazione è molto lenta e spesso si sofferma su particolari secondari, ma analizza a fondo la psicologia dei personaggi. Nella seconda parte il racconto si anima, anche se spesso evita di soffermarsi sulle scene più interessanti in favore di una arrazione più monotona e lineare.

Viene narrata una sola scena di sesso con estrema dolcezza e tenerezza. Anziché soffermarsi sull’atto fisico compiuto dalle due donne, l’autrice racconta le loro emozioni, rendendo in questo modo la scena accessibile a tutti, anche a coloro che provano disagio nei confronti degli atti omosessuali. Dopotutto, le emozioni sono universali ed è impossibile non commuoversi di fronte all’amore! Per avere un giudizio sull’efficacia della rappresentazione di un rapporto omosessuale però servirebbe il parere di una ragazza lesbica.

Leggere questo libro mi ha fatto capire quanto sono fortunata a non appartenere a nessuna minoranza, le sole discriminazioni che ho subito riguardano il fatto di essere donna. Sono contenta che la situazione per le madri lesbiche sia migliorata rispetto agli anni Cinquanta e spero che la società progredisca ulteriormente.

Al termine del romanzo, l’autrice racconta alcune informazioni interessanti sull’opera. Il suo iniziale editore non volle pubblicare Carol, così l’autrice dovette faticare per trovare qualcuno disposto a farlo. L’idea dell’opera nacque mentre la scrittrice lavorava in un grande magazzino nel reparto bambole nel periodo natalizio e dovette servire una sofisticata signora bionda e impellicciata. Il libro riscosse uno straordinario successo soprattutto nell’edizione tascabile, che vendette quasi un milione di copie. Il pubblico sostenne l’autrice inviando numerose lettere in cui soprattutto ringraziavano per aver scritto un romanzo a lieto fine in un periodo in cui le storie relative agli omosessuali dovevano sempre concludersi con la morte, la redenzione o l’infelicità dei protagonisti.

Adesso che ho soddisfatto la mia curiosità, non credo che cercherò altri romanzi a tema. Se mi capiterà di imbattermi in un bel libro LGBT non esiterò a leggerlo, l’importante è che si tratti di un bel racconto. Non esistono romanzi etero e romanzi gay, esistono soltanto i libri.

 

“Dovremmo essere tutti femministi” di Chimamanda Ngozi Adichie

 

73575692_chimamanda

Grazie ad uno dei video di Cimdrp ho scoperto Dovremmo essere tutti femministi di Chimamanda Ngozi Adichie, una giovane e brillante femminista nigeriana. Si tratta del testo di una conferenza del 2012, successivamente trasformato in libro nel 2014, in cui la speacker racconta la sua esperienza di femminista africana sintetizzando i concetti chiave di femminismo e femminilità applicati alla nostra epoca. Il testo è stato campionato nella canzone Flawless di Beyoncé.

Chimamanda è molto giovane, infatti è nata nel 1977 e, oltre ad essere una bella ragazza dalla pelle color ebano, è anche un medico e un’intellettuale femminista. I suoi libri sono stati tradotti in trenta lingue e ha ricevuto numerosi riconoscimenti.

Il blog Hai da spicciare? Ha pubblicato sia il video sia il testo della conferenza. Personalmente ho preferito la conferenza in quanto consente di conoscere il volto e la voce dell’autrice, i vivaci colori del suo abbigliamento africano e la reazione del suo pubblico, un po’ incomprensibile a mio parere in quanto spesso ride senza alcuna ragione. La conferenza non è molto lunga, dura solo mezz’ora, e non è particolarmente impegnativa, di conseguenza il libro è lungo solamente quaranta pagine.

Le parole di Chimamanda sono sintetiche e immediate, trasmettono messaggi forti con esempi semplici, tratti dal suo vissuto personale. La donna non tratta soltanto la condizione femminile in Africa, le sue parole riguardano la parità di genere nel mondo. Ecco uno dei passi che più mi è piaciuto:

Ma la cosa di gran lunga peggiore che facciamo ai maschi, facendo intendere che devono essere duri, è che li lasciamo con degli ego molto fragili. Più un uomo sente di dover essere un “uomo duro”, più è debole il suo ego. E poi facciamo un lavoro anche peggior con le ragazze, perché le educhiamo a soddisfare i fragili ego degli uomini. Insegniamo alle ragazze come farsi da parte, come farsi più piccole. Diciamo alle ragazze, “Puoi avere ambizione, ma non troppa. Dovresti puntare ad avere successo, ma non troppo successo, altrimenti potresti minacciare l’uomo.” Se in una relazione con un uomo sei tu a portare il pane a casa, devi far finta che non sia così. Soprattutto in pubblico. Altrimenti lo stai castrando. Ma se mettessimo in discussione la premessa stessa? Perché il successo di una donna deve essere una minaccia per un uomo? Che cosa succede se decidiamo di sbarazzarci semplicemente di quella parola, e non credo ci sia una parola inglese che mi piaccia meno di “castrazione”.

La conferenza è piaciuta molto anche oltreoceano a Beyonce, che ha inserito alcune frasi pronunciate da Chimamanda nella propria canzone Flawless, che Cimdrp suona e commenta in questo video. Si tratta di una canzone grintosa e personale, in cui la cantante mostra tutta la propria forza interiore e sprona le ragazze a fare altrettanto, senza lasciarsi chiacciare dalle convenzioni sociali maschiliste. Ma possiamo considerare Beyonce una femminista? A mio parere esistono centinaia di donne che meritano maggiormente tale titolo, tuttavia è importante che i media parlino di femminismo ed è lodevole che la cantante abbia attirato l’attenzione sulla questione.

Questo testo, per la sua semplicità, è indicato per tutti coloro che non hanno molta dimestichezza con il femminismo (come me!), oppure desiderano intraprendere una lettura (o la visione di una conferenza) leggera ma significativa.

Per concludere, ecco il link della canzone Flawless di Beyonce, sperando che vi piaccia:

 

 

Chimamanda Ngozi Adichie

 


 

I ritratti di Sissi

Negli appartamenti dell’Hofburg, il palazzo reale di Vienna, è stato allestito il museo di Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, nota al mondo come la principessa Sissi, in cui sono stati esposti più di trecento oggetti personali dell’imperatrice.

Non è opportuno presentare un museo di oggettica in una rivista d’arte, ma i curiosi possono apprendere ulteriori informazioni al riguardo cliccando sul seguente link: http://www.hofburg-wien.at/it/informazioni-interessanti/museo-di-sisi.html . Nelle sale del museo abbondavano ritratti e fotografie dell’imperatrice realizzati nelle situazioni più svariate e in età molto diverse della regina. Alcuni dipinti sono noti in tutto il mondo, come quello in cui l’imperatrice è ritratta di spalle e mostra la sua splendida chioma castana, lunga quasi sino a terra, che pettinava per circa tre ore al giorno in quanto era ossessionata dalla bellezza e che raccoglieva in elaborate acconciature ottocentesche; altri ritratti sono invece sconosciuti e mostrano un’immagine poco nota dell’aristocratica fanciulla, ma altrettanto affascinante.

Non ho la possibilità di ricordare e menzionare i quadri e le fotografie più belli in esposizione al museo, mi accontenterò di scrivere questo articolo servendomi delle immagini disponibili in rete.

Non è un caso che un’imperatrice sia stata ritratta così tante volte: si trattava di un preciso progetto di propaganda, il popolo infatti aveva la possibilità di conoscere i propri reali soprattutto attraverso quelle immagini. Veniva proposta un’immagine di Sissi felice, armoniosa e innamorata del proprio marito. La sposa perfetta, insomma. Ma Sissi non era affatto questo genere di donna e la rigida etichetta di corte, le incomprensioni con il marito e l’ostilità della suocera la rendevano profondamente infelice e chiusa in se stessa. I sudditi percepivano l’inadeguatezza dell’imperatrice nei confronti del proprio ruolo e non la amavano particolarmente. In questa incisione vediamo Sissi e Francesco Giuseppe giovanissimi, che passeggiano a braccetto all’aria aperta in una splendida, idilliaca bugia propagandistica.

Le seguenti due foto testimoniano l’infelicità di Elisabetta a corte. Si tratta di due fotografie ufficiali, scattate quando la regina aveva solo sedici anni e si era sposata da poco. Il fotografo si era sforzato di farla sorridere ma Elisabetta restò seria, infatti in quel periodo era profondamente stressata per gli impegni di corte che si erano susseguiti dopo il matrimonio, l’assenza di vita privata, l’invadenza della suocera, la solitudine e le incomprensioni con il marito.

Il dipinto più famoso di Elisabetta è stato realizzato nel 1865 da Franz Xaver Winterhalter. L’imperatrice indossa uno splendido abito bianco da gran galà e tra i suoi capelli intrecciati sono fissate delle preziosissime stelle di diamanti, che sono entrati nella storia dell’oreficeria (per saperne di più, leggete questo articolo: http://www.il-mondo-delle-gemme.juwelo.it/sissi-e-la-leggendaria-stella-di-diamanti/ ). In questo periodo Sissi aveva ventisette anni ed era al massimo del suo splendore. Il quadro è abbastanza fedele anche se l’espressione dell’imperatrice è un po’ troppo sdolcinata; per conoscere il vero volto Elisabetta e le reali espressioni del suo viso, dobbiamo affidarci alle fotografie.

Passano gli anni ed Elisabetta non è più una ragazzina, ma una donna forte e decisa, conscia del proprio potere a corte e decisa a far valere la propria volontà contro la suocera, il marito e le convenzioni sociali, anche a costo di essere considerata stravagante. Nelle fotografie appare come una donna orgogliosa, leggermente maliziosa, raramente sorridente e talvolta dura. Conscia della propria bellezza dalla quale era ossessionata, spesso l’imperatrice non cela una certa vanità.

Dopo i trent’anni Elisabetta smise di farsi ritrarre, nonostante avesse una maniacale cura del corpo ai limiti dell’anoressia; i segni dell’età infatti iniziavano a diventare evidenti e l’imperatrice faticava ad accettare il proprio aspetto. Quando Sissi aveva cinquantasette anni, il pittore Armin Horowitz realizzò uno straordinario falso che divenne piuttosto famoso: pur non avendo mai incontrato la regina, dipinse un suo ritratto mediante un abito nero che Sissi era solita indossare e un dipinto del suo volto, realizzato quando la donna aveva 25-30 anni. L’effetto è straordinario: l’imperatrice cinquantenne appare giovane e fresca come una ragazza nel fiore degli anni.

Siccome anche nell’Ottocento i vips erano paparazzati, Elisabetta non usciva mai senza ventaglio o ombrellino per nascondere il suo volto dall’obiettivo degli invadenti fotografi. In alcune fotografie in cui è riuscita a proteggersi, la regina risulta irriconoscibile.

In altre situazioni i fotografi hanno avuto la meglio e sono riusciti ad immortalare, anche se solo parzialmente, il volto di Elisabetta. Nelle due fotografie che vi abbiamo proposto, Elisabetta compare prima nel corso di una silenziosa passeggiata con il marito, poi in compagnia di una dama di corte.

Abbiamo a disposizione una sola fotografia di Sissi in età matura, scattata quando la regina aveva cinquantaquattro anni. Si tratta di una fotografia privata, realizzata nel Natale del 1891, che fu scoperta in una collezione privata del 1986. Proprio a causa dell’unicità di questo reperto, molti sospettano che si tratti di un falso, ma la sala e la sedia su cui è seduta l’imperatrice coincidono con la realtà e la donna che dovrebbe essere Sissi è straordinariamente somigliante con le immagini che abbiamo dell’Elisabetta più giovane.

 

Informaizoni tratte da: 

 

Quella meravigliosa persona che fu Frida Kahlo

Il 6 luglio è stato il compleanno (l’articolo verrà pubblicato il 15 luglio su  “Are you art?”) di una donna che è diventata un’icona in Messico e in tutto il mondo per la propria arte e per una straordinaria personalità: Frida Kahlo. Definirla solamente un’artista è un affronto perché Frida era anche una militante comunista che amava profondamente il proprio paese, una femminista ed è diventata un’icona molto amata dalla comunità Lgbt perché era bisessuale dichiarata e non celava le proprie avventure amorose con altre donne.

Frida si distingueva inoltre per una personalità affascinante. In un mondo in cui ad una donna è richiesto essenzialmente di essere bella per avere successo, lei non nascondeva i piccoli difetti che la caratterizzavano, come le sopracciglia unite e i baffetti che ben conosciamo attraverso i suoi quadri, eppure, secondo la critica d’arte americana Hayden Herrera, Frida Kahlo sapeva essere incantevole: «Quasi bella, aveva lievi difetti che ne aumentavano il magnetismo. Le sopracciglia formavano una linea continua che le attraversava la fronte e la bocca sensuale era sormontata dall’ombra dei baffi. Chi l’ha conosciuta bene sostiene che l’intelligenza e lo humour di Frida le brillavano negli occhi e che erano proprio gli occhi a rivelarne lo stato d’animo: divoranti, capaci di incantare, oppure scettici e in grado di annientare. Quando rideva era con carcajadas, uno scroscio di risa profondo e contagioso che poteva nascere sia dal divertimento sia come riconoscimento fatalistico dell’assurdità del dolore»

La biografia dell’artista è nota per essere attraversata da una lunga serie di disgrazie, ma Frida Kahlo ha saputo affrontare tali sfide con un’energia straordinaria, la stessa che illumina i suoi quadri di tinte allegre e vivaci anche quando affronta le tematiche più buie. Nonostante sia nata nel 1907, sostenne di essere nata nel 1910 per far coincidere la propria data di nascita con lo scoppio della rivoluzione messicana, segno di una profonda passione politica.

Fu perseguitata dalla sfortuna sin da bambina, infatti a sei anni si ammalò di poliomelite e, sebbene guarì, la gamba destra rimase meno sviluppata. A diciotto anni durante un incidente in tram un corrimano di metallo le trapassò il copro. In seguito all’incidente sarà costretta ad indossare un busto ortopedico cron cui si ritrarrà nell’opera che vedete sotto. Si tratta di una Frida squartata sino a mostrare la colonna vertebrale in frantumi, che indossa il busto ortopedico, dalla pelle disseminata di tanti piccoli chiodi e con le lacrime agli occhi, eppure la giovane sembra fiera e bellissima, la coperta che le cinge la vita sembra una gonna.

In seguito all’incidente inoltre Fida non riuscirà a portare a termine diverse gravidanze e il primo aborto, che risale al 1930, è stato raffigurato nel quadro qui sotto. Frida è sdraiata su un letto nuda, giace sul suo sangue e in una mano tiene dei fili cui sono collegati dei macabri palloncini. Uno tra questi è un feto, che incombe su di lei. L’aborto era un argomento non facile da affrontare in quegli anni e sicuramente Frida Kahlo è stata in anticipo sui tempi. Il suo coraggio è straordinario soprattutto perché l’opera tratta un episodio di vita privata.

I postumi dell’incidente in bus la perseguiranno per tutta la vita, infatti subirà  trentadue interventi chirurgici. Tuttavia fu proprio durante la lunga permanenza a letto che Frida iniziò a dipingere, ritraendo il proprio riflesso in uno specchio appeso sopra il letto.

Gli autoritratti sono sempre stati i suoi soggetti preferiti, infatti scrive all’amico Carlos Chavez: «Dato che i miei soggetti sono sempre stati le mie sensazioni, i miei stati d’animo e le reazioni profonde che man mano la vita suscitava in me, ho spesso oggettivato tutto questo in autoritratti, che erano quanto di più sincero e reale potessi fare per esprimere quel che sentivo dentro e fuori di me». Molte altre artiste seguiranno il suo esempio attingendo alla propria vita e ai propri traumi per realizzare i propri quadri. Tra i numerosi autoritratti di Frida ho scelto di proporvi Autoritratto con scimmie.

06-frida-kahlo-autoritratto-con-scimmie-445x590

In un altro dipinto, Frida si ritrae con una collana di spine avente un uccellino per ciondolo. Intorno a lei svolazzano delle farfalline azzurre e dei fiori alati e posano dietro di lei una scimmia e un gatto.

frida_kahlo_self_portrait_300dpi

Nel 1928 Frida conosce Diego Rivera e nel 1929 i due si sposano. Si tratta di una relazione turbolenta, caratterizzata da tradimenti, separazioni, un breve divorzio, riconciliazioni.

Frida Khalo si spense il 13 luglio 1954, all’età di quarantasette anni, nella sua casa natale, che attualmente è un museo dedicato all’artista, che proprio in questo periodo ritrarrà dei coloratissimi e vivaci cocomeri in un cielo sereno con la scritta “Viva la vida”, per manifestare la propria gioia di vivere. Sul suo diario  lasciò inoltre una scritta provocatoria inneggiante alla vita.

E’ notevole l’impegno politico e sociale che traspare nell’opera Unos cuoantos piquetitos, in cui viene denunciato un caso di femminicidio. Il titolo è un riferimento a come l’assassino definì al processo le coltellate, “solo qualche piccola punzecchiatura”.

Le mie opere preferite di Frida Kahlo sono molto più allegre. La prima è L’abbraccio dell’amore e dell’universo, la terra, io, DIego e il signor Xòlotl, in cui Diego Riviera viene abbracciato da Frida che viene abbracciata dalla terra e da diverse divinità Messicane in un gesto molto materno e femminile. L’opera esprime una concezione femminile del creato e tratta tematiche molto profonde sull’esistenza.

Il secondo raffigura l’immagine che tutti noi vediamo quando facciamo il bagno, vale a dire la punta dei nostri piedi che affiora dall’acqua contro il marmo. Tante piccole fantasiose immagini navigano inoltre nella vasca, animando la fantasia dell’artista.

Su Internet sono disponibili svariate informazioni su Frida, io vi consiglio in particolare questa pagina di citazioni dell’artista e questa galleria.

 

FONTI

Racconto breve: giochi al parco

Dedico questo racconto ad una persona che ci ha lasciati troppo presto. Anche se le nostre strade si erano divise, non ho mai dimenticato i bellissimi ricordi d’infanzia che mi hai lasciato. Riposa in pace ora che non ci sei più, non ti dimenticherò.

Ringrazio inoltre il mio fidanzato, che mi sprona a scrivere sempre quello che provo.

Questo articolo è stato modificato in un articolo pubblicato sul blog in un altro articolo per partecipare ad un concorso letterario.

tomboy

Vittoria camminava a passettini svelti stringendo la mano della mamma e compiacendosi dell’orlo della gonnellina che strusciava contro le proprie gambe. Il vestito estivo non era particolarmente elegante per consentire alla bambina di giocare nel prato con la sua amica e il fratellino ma, ogni volta che lo indossava, Vittoria si sentiva comunque una principessa. Il vestito inoltre era rosso, il suo colore preferito, e aveva degli adorabili fiocchetti in vita. La mamma appoggiava la mano libera sulla schiena del fratellino Lorenzo, che trasportava faticosamente con entrambe le braccine un pallone più grande di lui.

–          Mamma, posso farti una domanda? – chiese timidamente Vittoria

–          Dimmi, Vicky

–          Perché Francesca non può giocare a calcio? –

La mamma sospirò. – Certo che Francesca può giocare a calcio, può fare tutti i giochi che desidera. –

–          Allora perché non la iscrivono a scuola di calcio? – insistette la bambina

–          Perché è una femmina.

–          Allora perché non la iscrivono a una scuola di calcio femminile?

–          Di fatto non c’è nulla di male se a una bambina piacciono i giochi da maschio, però la gente la guarderebbe male. Non sta bene: le sue compagne di classe la prederebbero in giro. Un conto è consentirle di giocare con i suoi amichetti a calcio ogni tanto, ma iscriverla a scuola di calcio sarebbe troppo. Potrebbe giocare in una squadra femminile, certo, ma qui intorno non ce ne sono. Sono pochissime le bambine che giocano a calcio.

–          Ma mamma, a Francesca il calcio piace tantissimo, lei vorrebbe smettere di giocare a basket per iscriversi a scuola di calcio.

–          La sua mamma non vuole, Vicky, e io sono d’accordo con lei – rispose la mamma spazientita

–          Ma come?? Se io ti chiedessi di giocare a calcio tu non mi faresti felice?

La mamma non rispose subito, per qualche secondo si sentirono solamente i loro passi sulla ghiaia del vialetto.

–          Per fortuna tu non sei una bambina come Francesca. A te piacciono le bambole e i vestitini

Vittoria si gonfiò di orgoglio e, felice di fare arrabbiare la mamma, disse – Guarda che nella mia squadra di pallacanestro ci sono un sacco di maschi. A me piace giocare con il mio fidanzato.

–          Ma certo, a scuola di basket giocano sia i maschi sia le femmine. E io sono felice di avere una figlia scatenata come te.

La mamma si arrestò di fornte ad una piccola villetta con giardino e i bambini si fermarono obbedienti al suo fianco. – Eccoci, siamo arrivati. Aspettiamo Francesca e la sua mamma qui. Smettiamola con questi discorsi, mi raccomando, non è educato.

La villetta, dall’altro lato della strada rispetto al condominio di Vittoria, era particolarmente graziosa e aveva un piccolo giardino con dei cespugli fioriti. I bambini si avvicinarono al cancello per cercare i scorgere qualcuno dei numerosi gatti appartenenti ai padroni di casa, ma in quel momento erano tutti altrove.

Vittoria e Francesca si conoscevano perché erano vicine di casa e, come tutti i bambini troppo piccoli per gestire le relazioni interpersonali al di fuori della scuola, erano diventate amiche per volontà delle loro mamme, ma avevano stretto una di quei rapporti sinceri e disinteressati che possono nascere solo durante l’infanzia. Francesca era di un anno e qualche mese più grande, ma Vittoria sembrava una sua coetanea grazie alla statura elevata e ad un’ottima proprietà di linguaggio, perciò era perfettamente in grado di tenerle testa. Il piccolo Lorenzo si adeguava ai giochi delle due più grandi con qualche difficoltà dovuta alla differenza di età ed alla gelosia di Vittoria, ma era abituato a seguire ovunque la sorella maggiore e le sue amiche.

Francesca e la madre uscirono dal portone della villetta inseguite da un gattino dalla pelliccia scura e raggiunsero i tre sorridendo. Francesca portava con se un pallone ma, non appena vide che Lorenzo ne aveva portato uno con sé, lo gettò in un angolo del prato. La bambina aveva un caschetto biondo e un sorriso simpatico, indossava una maglietta a tinta unita e un paio di jeans adatti al gioco.

Non appena il gruppo ebbe raggiunto un parchetto non molto lontano, le mamme si sedettero su una panchina all’ombra e i bambini iniziarono a giocare. La prima attività cui si dedicarono fu scalare gli scivoli al contrario, successivamente si arrampicarono sugli alberi. Nonostante Francesca fosse la più grande i giochi erano organizzati da Vittoria, che era assecondata in tutto dall’amica; Francesca invece era molto paziente e protettiva nei suoi confronti. Non appena le due bimbe trovarono due bastoni di sufficiente grandezza iniziarono a giocare ai guerrieri: Vittoria impersonava una bellissima guerriera di cui seguiva le puntate in televisione, Francesca invece il Power Ranger rosso. Le urla delle combattenti attirarono più volte l’attenzione delle mamme che le richiamarono all’ordine affermando che non gradivano i loro schiamazzi e che non apprezzavano il fatto che Lorenzo fosse escluso dal combattimento delle bambine più grandi. Il bambino tuttavia non sembrava interessato ai loro giochi e sembrava divertirsi tranquillamente da solo giocando con la palla.

Per coinvolgere il fratellino, le bambine iniziarono a giocare a calcio. Vittoria era svantaggiata perché aveva poca dimestichezza con il pallone, ma era una ragazzina molto competitiva e riuscì in qualche maniera a resistere a qualcuna delle azioni di Francesca. La bambina però non accettava di essere sconfitta dal fratellino minore, più esperto di lei nell’arte del pallone, così i bambini iniziarono a litigare e le mamme dovettero intervenire per ripristinare la pace. Il gioco ricominciò e sembrava svolgersi pacificamente, ma purtroppo non durò molto perché le mamme chiesero ai bambini di avvicinarsi.

–          Ma perché dovete sempre fare i maschiacci? – chiese la mamma di Francesca, senza aspettarsi alcuna risposta

–          Vittoria, avvicinati, devo rifarti la coda. Guardati, sei tutta spettinata. – intimò l’altra donna attirando dolcemente a sé la figlia per un braccio.

Effettivamente sugli occhi di Vittoria ricadevano innumerevoli ciocche arruffate e il misero codino pendeva storto. La bambina accettò sbuffando di farsi pettinare, essendo impaziente di tornare a giocare.

–          Che bei capelli, Vittoria! – sospirò la mamma di Francesca e l’amica cinguettò orgogliosa un ringraziamento mentre armeggiava con i lunghi capelli ricci della figlia.

–          Francesca, guarda che bella che è la tua amica. Non vorresti avere dei capelli lunghi come i suoi?- chiese la madre

Francesca chinò il capo imbronciata e inarcò le spalle, facendosi piccola sulla sedia. La madre tuttavia non aveva alcuna intenzione di smettere.

–          E guarda che bel vestito rosso che indossa! Sembra una bambolina. Stasera ne metti uno anche tu?

Vittoria era confusa. Inizialmente si era sentita onorata per i complimenti ricevuti, ma gli occhi angosciati e offesi dell’amica la rendevano triste e la facevano sentire in colpa. Aveva sempre considerato Francesca una ribelle, una persona che aveva scelto deliberatamente di opporsi al sistema comportandosi come un maschio, eppure in certi momenti aveva l’impressione che la sua amica non avesse scelta e che soffrisse per le critiche che riceveva costantemente dagli adulti.

Vittoria tuttavia era solo una bambina di sei anni e mezzo perciò non voleva sottrarre del tempo prezioso al gioco con simili riflessioni. Non appena la madre ebbe terminato di pettinarla, prese la mano dell’amica e la guidò verso le altalene, dove iniziarono a giocare a Ce l’hai. Inizialmente Francesca era malinconica per le critiche ricevute dalla madre, ma presto dimenticò il brutto momento e si dedicò interamente al gioco sino alla fine del pomeriggio.

La sera in un baleno, così Francesca e Vittoria si salutarono con la promessa di rivedersi  quella sera stessa per giocare nel giardino della villetta. Attraversando la breve stradina che conduceva a casa, vittoria chiese alla madre:

–          Mamma, stasera devo incontrare Francesca per giocare. Me lo ricordi tu?

–          Si, certo, amore. Ti sei divertita oggi?

–          Sì. – rispose senza esitazioni la bambina.

–          Non ti sembra di aver partecipato a giochi troppo … movimentati?

–          No. E’ stato bello. –

–          Non avete fatto altro che scorrazzare tutto il tempo. Siete peggio di due maschi. Inoltre ti sei comportata malissimo con Lorenzo.

Vittoria non rispose, accettò il rimprovero in silenzio e continuò a camminare.

Era una piacevole serata estiva e le ore trascorsero serenamente: papà tornò a casa dal lavoro, mamma cucinò un ottimo pranzetto, Vittoria si ritirò in camera sua per giocare con le bambole sino a quando calò il buio. Improvvisamente dalla finestra aperta si udì un lamento.

–          Perché Vittoria non è venuta a giocare con me? Avevamo un appuntamento! Io voglio giocare con Vittoria.

Le urla di Francesca erano talmente forti da attraversare la strada e giungere alla finestra della sua amica. Vittoria trattenne il respiro per un istante, attanagliata dal senso di colpa, poi corse dalla madre.

–          Mamma, ho un appuntamento con Francesca, dobbiamo giocare insieme.

–          Sarà per un’altra sera, amore.

–          Avevi promesso che mi avresti chiamato. – protestò la bambina con le lacrime agli occhi

–          Eh, mi sono dimenticata.

–          Domani io e Francesca possiamo giocare insieme?

–          Vediamo

Dopo quel pomeriggio Vittoria e Francesca non avrebbero più giocato insieme. I bambini nei primi anni delle elementari non sono in grado di darsi appuntamento per giocare insieme senza l’intervento delle madri così Vittoria e Francesca  non si sarebbero mai più riviste, salvo durante rapidi e sporadici incontri casuali per strada. Vittoria avrebbe colmato il vuoto con altre amicizie o inventando nuovi giochi, ma non avrebbe mai dimenticato la spensieratezza e l’affetto che provava giocando con la sua amica Francesca.

Le regine della storia dell’arte

(Articolo pubblicato nella rivista online “Are you art?”)

Scrivere una rubrica dedicata alle donne in un numero dedicato alle rivoluzioni nella storia dell’arte è impossibile perché nella nostra società patriarcale il mondo dell’arte è sempre stato dominato dagli uomini. Ciò non significa che le artiste donne siano una conquista recente in quanto i manuali di storia dell’arte menzionano diversi nomi di grandi creative del passato, tuttavia le rivoluzioni sono sempre state condotte dagli uomini, che hanno dettato le correnti e gli stili in ogni epoca sino al Novecento. Per questa ragione la mia rubrica sarà la sola a non parlare di rivoluzioni, perché le donne non hanno potuto partecipare a nessuna rivoluzione artistica. Darò invece voce a rare personalità eccezionali che hanno dovuto combattere per affermare la propria arte, sfidando i pregiudizi maschilisti della propria epoca e spesso pagandone le conseguenze. La loro rivoluzione consiste nell’aver espresso un punto di vista femminile in un mondo in cui gli artisti erano uomini e le donne dovevano accontentarsi al massimo del ruolo di musa ispiratrice.

Per secoli le donne, pur avendo accesso a lezioni di disegno e potendo realizzare delle modeste opere di disegno (spesso di piccole dimensioni e ritraendo prevalentemente tematiche proveniente dal loro ambiente famigliare), non hanno potuto praticare la professione di artista in quanto era considerato disdicevole per loro dedicarsi a tale attività a livello professionale, eppure qualche fortunata è riuscita, spesso complici anche condizioni familiari ed economiche favorevoli, a coltivare il proprio talento. Ecco dunque una carrellata delle principali regine dell’arte, corredati da link con eventuali approfondimenti.

Nel Medioevo l’arte era considerata un’attività artigianale pertanto le opere d’arte erano create per lo più dagli uomini, i soli che potevano esercitare una professione. Nei conventi tuttavia le monache si dedicavano con zelo ad attività creative coinvolgendo spesso anche le laiche, soprattutto le fanciulle che frequentavano i monasteri per la propria istruzione, che poi praticavano tali attività anche dopo aver terminato gli studi. Tali artiste erano soprattutto miniaturiste e realizzatrici di tessuti ornamentali da parete, stole, paramenti e arazzi, ad uso religioso o profano. Conosciamo anche qualche nome di queste artiste dimenticate, tra tutte ricordiamo Santa Caterina Vigri (1413-1463), che realizzò affreschi, quadri e manoscritti con miniature ed è la protettrice dei pittori. Per saperne di più, ti consiglio di cliccare sul seguente link:
http://guide.supereva.it/donne_e_arte/interventi/2010/09/donne-artiste-nel-medioevo

Nel Rinascimento le donne compaiono nella storia dell’arte per lo più nelle vesti di Muse ispiratrici al servizio di artisti uomini, ma iniziano a farsi notare nel panorama artistico europeo anche alcune pittrici. I loro nomi sono Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, la simpatica olandese Judith Leyster, Rosalba Carriera, Elizabeth Vigée Lebrun, Angelika Kauffmann, Mary Cassatt e Berthe Morisot.

sofonisba-anguissola-ragazzo-morso-dal-granchio-museo_di_capodimonte_napoli

Sifonisba Anguissola è una pittrice piacentina rinascimentale che ottenne grandi riconoscimenti in Italia e all’estero. Pochi sanno che anche le sue sorelle si dedicarono alla pittura. Rivestì un ruolo di spicco nelle corti italiane e il suo talento venne apprezzato persino da Michelangelo, che rimase profondamente colpito da Fanciullo morso da un granchio (vedi sopra). L’artista divenne ritrattista ufficiale della famiglia reale di Spagna e, quando Van Dyck le succedette in tale carica, ammise di nutrire una profonda ammirazione per Sifonisba. E’ molto interessante ciò che Wikipedia scrive sull’argomento: https://it.wikipedia.org/wiki/Sofonisba_Anguissola

gentileschi-judith-slaying-holofernes-uffizi-florence-web-art-academy

Artemisia Gentileschi è forse la più celebre artista femminile dell’età moderna, soprattutto in seguito allo stupro che subì in gioventù e che probabilmente ispirò il suo capolavoro, Giuditta che decapita Oloferne (vedi sopra). Essendo morta prematuramente sua madre, l’artista romana cresce nella bottega del padre manierista di Caravaggio (di cui assimilerà lo stile), un ambiente rigorosamente maschile, e apprende i segreti della pittura al fianco dei suoi fratelli maschi, superandoli in talento. Per apprendere ulteriori informazioni sull’artista, ti consiglio di visitare il sito web in italiano dedicato all’artista: http://www.artemisiagentileschi.net/

rosalba-carriera-xx-allegory-of-painting-xx-national-gallery-of-art

Sempre in Italia, ma questa volta a Venezia, emerge una straordinaria pittrice settecentesca, Rosalba Carriera. Realizza dei ritratti di diamine sulle tabaccherie e successivamente su avorio, un materiale che conferisce alle pitture straordinaria lucentezza e che Rosalba utilizza per prima. Un’altra innovazione apportata dalla Carriera nel mondo della pittura riguarda l’utilizzo dello stile veneziano nella realizzazione di miniature. Sopra potete ammirare Allegory of painting.Ecco una pagina contenente tutte le informazioni da sapere su questa artista poco conosciuta: http://www.finestresullarte.info/Puntate/2012/18-rosalba-carriera.php#cookie-ok

autoritratto-angelica1

Angelica Kaufmann, di cui sopra potete ammirare Autoritratto, è una pittrice Svizzera dello stesso secolo che ha potuto avvalersi del supporto del padre nella propria formazione culturale; nel corso della propria carriera artistica si dedica anche alla musica e al canto; è l’unica donna tra i fondatori della Royal Academy of Arts. Era specializzata nella ritrattistica, nei soggetti storici e nelle incisioni. La sola pagina che sono riuscita a trovare dedicata all’artista appartiene a Wikipedia, ecco il link: https://it.wikipedia.org/wiki/Angelika_Kauffmann

berthe_morisot_002

Berthe Morisot, nata nel 1841, è una pittrice impressionista francese che, a causa dei pregiudizi dell’epoca, ha difficoltà a dipingere all’aperto o in luoghi pubblici come i propri colleghi maschi. L’artista ripiega dunque su scene domestiche e di interni, privilegiando come soggetti altre donne come lei, di cui effettuava nei dipinti una profonda analisi interiore. Può essere interessante leggere ciò che dice di lei Settemuse.it, dai cui abbiamo tratto l’opera che vedete sopra: http://www.settemuse.it/pittori_scultori_europei/berthe_morisot.htm

Per ultimo citiamo due grandi artiste del Novecento che sono diventate due icone non solo per la loro arte straordinaria, ma anche per aver contribuito all’emancipazione femminile con le loro scelte di vita libere, determinate e anticonformiste.

tamara-de-lempicka-autoritratto-nella-bugatti-verde

Tamara de Lempicka appartiene alla corrente artistica dell’Art Déco molto apprezzata negli anni Venti. Tutti noi la conosciamo soprattutto per L’autoritratto nella Bugatti verde, in cui si raffigura al volante dell’automobile, indossando abiti maschili (erano gli anni in cui le donne iniziavano a far sentire la propria voce) è guardando in lontananza con uno sguardo serio ma terribilmente sensuale. Tamara è un eccellente ritrattista che ama rappresentare soprattutto i suoi amanti, sia uomini sia donne. Meritano di essere menzionate le tele che dedica Rafaela Fano, una delle donne più importanti della sua vita sia in qualità di amante, sia in qualità di musa ispiratrice. L’arte di Tamara è celebre tanto quanto i pettegolezzi sulla sua vita amorosa, si pensi che abbia flirtato in modo piuttosto turbolento con il nostro D’Annunzio. Vi propongo una piacevole carrellata di immagini a ritmo di musica: https://www.youtube.com/watch?v=UxiUn3ELu_g

frida_kahlo_self_portrait_300dpi

Frida Khalo (1907-1954) è forse l’artista femminile più nota al mondo: la sua notevole forza d’animo le ha permesso di affrontare dei gravi problemi di salute, dovuti anche ad un tragico incidente a bordo di un bus, con un’invidiabile vitalità, che traspare nelle tinte vivaci delle sue opere. Frida si dedica soprattutto all’autoritratto, proponendo un’immagine di sé svincolata dal punto di vista maschile e caratterizzato da un’estrema onestà, soprattutto per quanto riguarda la rappresentazione dei difetti fisici e degli effetti dei propri problemi di salute. Oltre al tema della femminilità, troviamo nelle opere di Frida anche l’amore per il proprio paese e per il folclore messicano. Il seguente link vi permetterà di scoprire tutti i segreti sulla vita di Frida: http://www.mexicoart.it/Ita/kahlo.htm

La lunga lista di artiste proseguirebbe con altre esponenti a noi contemporanee, che preferiamo non citare in questo articolo in quanto operano in un ambiente più aperto e sensibile nei confronti dell’arte femminile grazie all’accesso per le donne all’istruzione e ad una maggiore attenzione alla loro voce nel mondo dell’arte. Questa rubrica ha intenzione di approfondire nei prossimi numeri l’opera delle grandi artiste del passato e del presente, perciò offriremo in futuro uno spazio più ampio sia alle artiste che abbiamo menzionato sia ad altre intellettuali.

 

FONTI: