“Divine Parole” al Piccolo Teatro di Milano


74473

Lunedì 27 aprile ho assistito al Teatro Studio Melato di Milano a Divine parole, un’opera dell’autore spagnolo Ramòn Maria del Valle-Inclàn e portata in scena al Piccolo Teatro di Milano dal regista Damiano Michieletto.

Valle-Inclàn è un autore cardine del teatro spagnolo ma è ignorato in Italia, così Michieletto, che lo ha conosciuto attraverso alcuni amici spagnoli, ha deciso di portarlo in scena a Milano per la prima volta nella storia del Piccolo Teatro.

Divine parole racconta le liti di due famiglie che si contendono per motivi economici un carrozzino contenente un bambino deforme: il piccolo infatti consentirebbe di commuovere i passanti, permettendo di ottenere cospicui guadagni in elemosina. Vegliato dallo spirito della madre morta in un universo di ubriaconi e prostitute, il bambino viene infine sfruttato dalla zia Mari Gaila (Federica Di Martino), che tradisce il marito sacrestano Pedro Gailo (Fausto Russo Alesi) con Séptimo Miau (Marco Foschi), un fuorilegge fuggito di prigione che può essere considerato l’incarnazione del male. Nel corso dello spettacolo i personaggi sprofondano gradualmente nel peccato sino a toccare la depravazione più nera nel finale. La storia racconta un mondo senza Dio in cui la crudeltà e l’orrore sono ovunque ma proprio per questo viene rappresentato un forte bisogno di spiritualità e redenzione, in una perfetta dicotomia tra bene e male.

Il Teatro Studio Melato è privo di palcoscenico e la scena è interamente cosparsa di fango, una melma marrone che imbratta la pelle e i vestiti dei personaggi nel corso della recitazione. Michieletto racconta: “Il fango è come l’immondo, l’oscuro, l’osceno, incarnato poi dal personaggio di Séptimo Miau. E ancora come la terra, la tomba, la madre, la sessualità”. Pedro Gailo inizialmente cerca di non venire a contatto col fango camminando su assi e mattoni e pulendosi con un fazzoletto ma, quando il suo personaggio inizia a corrompersi, smetterà di preoccuparsi dello sporco. Contrapposto al fango della pavimentazione, troviamo un palchetto bianco su cui è affisso un santino di Cristo, che rappresenterebbe l’altare di Pedro Gailo. In alto a sinistra è appesa un’imponente campana di ferro e il sipario è una grossa lamiera metallica.

Lo  spettacolo è sconsigliato ai minori perché sono rappresentate scene molto crude: sesso, violenze sessuali, molestie, torture, incesti e lapidazioni. Nei film la violenza è spaventosa perché ciò che viene rappresentato oltre lo schermo sembra reale, in teatro invece la finzione è evidente perché attori e spettatori si trovano nello stesso spazio; ne consegue che le raccapriccianti scene di crudeltà di Divine Parole non provocano paura, ma inducono un senso di angoscia e squallore che hanno talvolta reso poco piacevole lo spettacolo. Gli attori meritano i più sentiti complimenti per aver interpretato tali scene in modo realistico e con professionalità, inoltre sarebbe interessante sapere quali sensazioni hanno provato in quei momenti e come hanno fatto a rappresentare
situazioni così delicate.
Si potrebbe aprire un dibattito su quanto sia giusto proporre scene di raccapricciante violenza a teatro, anche se in questo caso erano funzionali alla vicenda narrata e al messaggio che il regista voleva trasmettere. Acqua e limone è favorevole al teatro d’avanguardia e allo sperimentalismo, ma molti potrebbero non apprezzare tali scelte e preferire spettacoli più tradizionali.

Uno dei temi cardini dello spettacolo è la religione, infatti la rivista Famiglia Cristiana ha dedicato un articolo a Divine Parole (non sono affatto credente, ma leggere l’articolo è stato interrssante per ascoltare punto di vista diverso). L’azione si svolge in una società degradata in cui l’uomo ha perso ogni morale e “la religione è vista in maniera misteriosa, folcloristica, pagana e sempre in dialogo continuo con la morte”, infatti l’opera “racconta l’assenza di Dio ma al tempo stesso la necessità di recuperare una tensione spirituale e di dare voce a qualcosa che vada oltre la miseria della propria condizione umana.“ 

Per creare un’atmosfera spirituale in contrasto con lo squallore dei fatti narrati, il regista ha scelto delle colonne sonore religiose cantate in latino: la Missa Syllabica di Arvo Part, il Miserere di Allegri e quello di Gòrecki, Agnus Dei di Samuel Barber, In Paradisum dal Requiem di Fauré. Tali brani hanno lo scopo di precedere la sentenza latina finale: “qui sine peccatus est vestrum, primus in illam lapidem mittat” (chi di voi è senza peccato, scagli la prima pietra contro di lei), la frase biblica cui si riferiscono le “divine parole” del titolo. A questo proposito il regista ci rivela: “Per me divine parole sono tutte le esperienze della vita (quindi anche l’arte) nelle quali esista la percezione di qualcosa che aiuti ad elevarsi, non secondo un misticismo fine a se stesso, ma per restituire valore alle cose, per interrogare la propria coscienza.”

I costumi di Carla Teti sono semplici e funzionali alle personalità dei personaggi: pantaloni e gilet grigi per Pedro Gailo, un semplice vestito rosso per la bella e passionale Mari Gaila, un candido vestitino per l’innocente figlia della coppia Simonina (Petra Valentini), un giubbotto di pelle marrone per il crudele Séptimo Miau, stracci per Juana la Reina (Sara Zoia), la madre del bambino deforme. Sono abiti poveri e semplici come i personaggi che gli indossano, e nel corso della manifestazione diventano ancora più miseri per il fango che li imbratta. Durante alcune scene di nudo, gli indumenti vengono gettati a terra e si sporcano come se fossero stracci.

Annunci

11 thoughts on ““Divine Parole” al Piccolo Teatro di Milano

  1. Scritto con molta passione e professionalita tanto da immergermi nelle scene raccontate,
    un genere di recitazione che non amo ,rapresentano il peggio dell’essere umano che di umano non rappresenta niente….troppo per me.Ciao cara Valivi complimenti per il tuo lavoro.
    Caterina

    • Grazie per il complimento, sono frlice che ti sia piaciuto.
      Come ho scritto, su questo genere di recitazione si può aprire un dibattito perché ha un gusto molto particolare. Può piacere o non piacere….
      Torna presto, Caterina, un abbraccio

  2. Ciao! Che articolo interessante, grazie di averlo pubblicato, hai fatto un ottimo lavoro. Penso di avere un paio di osservazioni da fare e presto le scriverò qui, prometto, senza vene polemiche. Intanto termino la mia nuova poesia ispirata dai papaveri che in questo giorni di estate precoce infiammano i campi :) A presto!

  3. Non conoscevo Ramòn Maria del Valle-Inclàn. Però leggendo la biografia ho avuto modo di giustificare alcune osservazioni che ho fatto in base al tuo articolo. In lui c’è molto di De Sade, Maupassant (c’è un suo racconto sul “valore” che hanno i bimbi storpi), Hugo e anche dei modernisti europei (fine milleottocento, inizio millenovecento), di cui lui era parte per cultura e anagrafe. Mi sarebbe piaciuto vedere lo spettacolo, adoro il teatro d’altri tempi ma allo stesso tempo così innovativo. Ciao!

    • Tu sei sardo, giusto? (non ricordo,scusa) prova a vedere se danno lo spettacolo in sardegna, oppure cerca qualche video su youtube. Non è come andare a teatro, ma potrebbe interessarti.
      Scuoccamente non ho scritto nulla sull’autore, rimedierò facendo una piccola ricerca per conto mio.
      I riferimenti a de sade e agli altri autori li hai letti da qualche parte o sono dei collegamenti che hai fatto tu?

      • Sì sono sardo :) e sì, sono collegamenti che ho notato in base alle mie letture; certo, potrei anche sbagliarmi, in fondo l’opera non l’ho veduta, ma in base alla tua dettagliatissima recensione, posso dire di essere abbastanza sicuro. Grazie per il consiglio, ora vedo se la compagnia farà tappa anche dalle nostre parti. Buona serata!

      • Se vuoi su youtube è disponibile il trailer dello spettacolo. Avrei voluto copiare il link nel commento, ma non ci riesco perché ti scrivo dal cellulare. Buona serata

  4. Ciao! Finalmente sono riuscita a leggere questo tuo articolo così riuscito. Anche io ho pensato subito a De Sade seguendo il flusso delle tue parole e calandomi nell’atmosfera che hai abilmente ricostruito. Complimenti!

    • Eccoti, ti aspettavo! Sono felice che l’articolo ti sia piaciuto, tengo molto alla tua opinione. :*

      Uffi, solo io conosco poco de sade!! Dovrò fare qualche ricerca per colmare le mie lacune. Che bello avere dei lettori come voi, che ti stimolano ad ampliare le tue conoscenze. Grazie, torna presto a trovarmi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...