Appunti di storia micenea


Oggi condividerò con voi i miei appunti di storia greca perciò sarà un po’ come se vi portassi in università con me. Il tema del giorno è storia micenea…

La civiltà micenea divenne la più potente della Grecia quando nel 1380 a.C. crollò la civiltà minoica, ma i primi inediamenti si formarono intorno al 1600 a.C.. Le principali città micenee si trovavano nel Peloponneso, le più celebri erano Micene, Pilo, Tirinto e la capitale Tebe, di cui non sappiamo se dominasse le altre città o se fosse semplicemente la città-stato più potente. Secondo alcuni studiosi i micenei erano popoli provenienti dal Nord mentre secondo altri (ed è questa l’ipotesi più probabile) derivarono da popolazioni locali che avevano gradualmente accumulato ricchezze.

Vincent_Van_Gogh_-_The_Potato_Eaters

Maschera funeraria

I micenei erano un élite guerriera che viveva arroccata in città fortificate; i ritrovamenti archeologici ci rivelano che erano un popolo molto ricco. Si dedicarono al commercio, per il quale viaggiarono per tutto il Mediterraneo sino al Baltico; importavano ambra, metalli preziosi e oggetti di lusso.
I micenei controllavano regioni molto lontane dal Peloponneso come l’Argolide, la Tessaglia e la Beozia.

Il re di una città stato micenea, chiamato Wanax, aveva poteri religiosi, politici e giudiziari; regnava dal Megaron, una sala suddivisa in tre parti al cui centro si trovava il trono. Il Lawaghetas era invece il comandante militare e i Basileis erano i capi di gruppi più ristretti di persone. Era molto importante anche la Gherusia, il consiglio degli anziani.

Riguardo alla religione, molti degli dei in cui credevano i Micenei compaiono anche nel pantheon dei greci, come Zeus e Dioniso.

Per quanto riguarda invece la scrittura, i micenei utilizzavano la lineare A adattata alla loro lingua. Scrivevano su tavolette di varie dimensioni in argilla cruda, incidendole con uno stilo. Gli archeologi hanno ritrovato tavolette in vari colori in quanto i vari incendi che si sono susseguiti nel tempo ne hanno cotte alcune rendendole in terracotta. Le tavolette, di funzione amministrativa, erano per lo più elenchi e registrazioni annuali di alimentari, armi, carri, uomini, tele, ecc…, suddivisi da linee orizzontali o verticali. Sulle tavolette troviamo inscritti nomi di persona, ideogrammi, termini di scrittura sillabica (l’alfabeto sillabico miceneo annoverava circa novanta sillabe) e numerali. Aggiungendo ad un’ideogramma un termine determinativo si specificava il genere e il numero dell’oggetto indicato.
Talvolta i micenei scrivevano anche sui vasi per indicare il nome del proprietario, il contenuto o la provenienza.

Micene fu riportata alla luce da Schliemann leggendo i poemi omerici, lo stesso metodo che utilizzò per ritrovare Troia. Le tombe più antiche, risalenti al 1650-1550 a.C., vennero rinvenute entro le mura e furono chiamate “tombe a fossa del circolo A“, un nome che deriva dal fatto che furono le prime ad essere riportate alla luce; nelle tombe a fossa talvolta vennero rinvenuti anche più defunti contemporaneamente. Sono più recenti delle “tombe a fossa del circolo B“, ritrovate all’esterno delle mura. I defunti micenei venivano seppelliti con un ricchissimo corredo: vestiti di lino e lamine d’oro, gioielli e maschere funerarie d’oro, produzione artigianale raffinata e prodotti di altri popoli, soprattutto cretesi o provenienti dalle isole Cicladi.

Porta dei Leoni.

Porta dei Leoni

A Micene furono ritrovati i resti di tre cinta murarie: le prime, del 1350 a.C., difendevano il palazzo; le seconde, risalenti al 1250 a.C. e comprendenti la celebre Porta dei Leoni, inglobano alcune tombe monumentali risalenti ad un secolo prima; le terze, del 1200 a.C. (epoca di grandi pericoli, in cui si avvicinava la fine della civiltà micenea), racchiudono una sorgente d’acqua per poter fare rifornimento in caso di assedio.

I palazzi vennero distrutti non contemporaneamente, ma all’incirca nello stesso periodo storico. Non si sa bene per quale motivo finì la civiltà micenea ma sono state formulate varie ipotesi: l’invasione dei Dori, dei terremoti, siccità e carestie, lotte interne, l’invasione dei popoli del mare. Il tramonto di questa affascinante civiltà segnò la fine dell’età del bronzo e l’inizio dei Dark Ages, in Italia chiamati Secoli Bui.

Annunci

4 thoughts on “Appunti di storia micenea

  1. Micene: porta dei leoni e tomba di Atreo. Ho avuto la fortuna di andarci. purtroppo nel turistificio d’agosto. Una ressa infernale. L’avevo studiata in storia dell’arte. Mi ha colpito l’acustica incredibile della tomba di Atreo. Consiglio tutti gli amanti della storia antica di non perdersela. Magari in mesi tranquilli

    • Beata te, io non ho avuto la fortuna di visitarla, ma mi piacerebbe moltissimo. Si, viene è una tappa obbligatoria del programma di storia dell’arte, purtroppo nell’ articolo non ho affrontato l’argomento sotto questo aspetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...