Abbracciati per l’eternità: romantici ritrovamenti archeologici


Nella Cappella di St Morrell a Hallaton in Gran Bretagna gli archeologi hanno scoperto recentemente una tomba bisoma (vale a dire con due corpi seppelliti insieme) in cui due scheletri si tengono romanticamente per mano. Siccome tale fenomeno si è verificato altre volte nella storia dell’archeologia e ha riscosso un notevole interesse popolare, abbiamo svolto una ricerca in rete per ripercorrere le tappe di questo affascinante fenomeno archeologico.

Purtroppo la qualità delle fonti non è soddisfacente: nel mare magnum della rete sono presente numerosi articoli di giornale che esaltano la scoperta delle tombe bisome, ma le informazioni sono generiche e per nulla indicate ad un pubblico di appassionati o di specialisti. E’ inoltre evidente che i giornalisti si sono interessati alla scoperta quando si trattava di una notizia fresca di stampa ma non hanno seguito lo sviluppo degli scavi ed elle analisi, così i dati a nostra disposizione sono lacunosi e risalenti solo ad uno studio preliminare dei ritrovamenti.
Speriamo che, nonostante tutto, l’articolo vi sia gradito e di non aver tralasciato alcun ritrovamento.

.

Amanti turchi di 8000 anni. Nel 2007 in Turchia fu scoperta una coppia semi mummificata avvinta in un tenero abbraccio amoroso che risaliva al 6100 a.C. Lui aveva circa trent’anni al momento della morte, lei venti. Si tratta della più antica coppia di innamorati mai scoperta sinora. La tomba appartiene ad un complesso di 22 tombe preistoriche disotterrate in Anatolia, presso la città di Diyarbakir.

Gli studiosi escludono che si tratti di un sacrificio umano, ma è impossibile sapere come morirono i due innamorati. Dalle analisi del sito archeologico sappiamo che i due appartenevano ad una società che, pur essendo preistorica, era molto evoluta e non di tipo nomadico.

.

Gli amanti di Valdaro abbracciati per l’eternità. Nel 2007 a Valdaro, in provincia di Mantova, vengono rinvenuti gli scheletri di un uomo e una donna sepolti di fianco, faccia a faccia, abracciati sia con gli arti superiori sia con gli arti inferiori. L’uomo e la donna, risalenti al Neolitico, sono stati ritrovati nell’ambito degli scavi di una villa romana.

I resti dei due amanti furono asportati con il terreno circostante e gli scavi furono terminati presso un laboratorio a Como, in collaborazione con il Museo Archeologico della città. Dalle analisi degli antropologi risulta che prima è stata deposta la donna e poi l’uomo, che i corpi erano stati avvolti in un lenzuolo separatamente e che gli amanti erano piuttosto giovani, infatti avevano circa vent’anni (un’età considerata adulta nel neolitico).

Si tratta di un ritrovamento eccezionale non soltanto per la qualità della conservazione dei corpi, ma anche per la romantica posizione in cui gli amanti sono stati ritrovati. Le fotografie scattate fecero il giro del mondo e, complice anche l’avvento di San Valentino, la coppia divenne molto popolare.

29534

.

Gli amanti di Modena, mano nella mano. Risalgono invece al tardo romanico gli scheletri rinvenuti nel 2009 in viale Ciro Menotti a Modena, sepolti mano nella mano e guardandosi reciprocamente per 1500 anni.

L’uomo porta al dito un anello di bronzo che lo contraddistingue come cives romanus. ha il palmo della mano rivolto verso l’alto che sorregge quello femminile, rivolto verso il basso. E’ evidente che l’intento della coppia sia stato quello di traslare oltre la morte uno stretto rapporto sentimentale con un gesto intimo e quotidiano e che i corpi sono stati sepolti contemporaneamente.

29534

.

Gli etruschi abbracciati. Nella Tusccia nel 2013 sono stati scoperti due scheletri abbracciati: uno supino con accanto, ancora accovacciato, lo scheletro di un in individuo più giovane e minuto che posa una mano sul ventre del compagno. La scoperta è avvenuta nella necropoli etrusca di Vigna la Piazza, a Grotte di Castro, all’interno di una tomba a fossa.

Entrambi i defunti indossano anelli di bronzo, ma nella loro tomba, a differenza delle altre nella necropoli, non è stato rinvenuto alcun corredo funebre. Ad un’analisi preliminare (le mie fonti risalgono ad ottobre 2013), i due scheletri potrebbero appartenere ad una madre ed un figlio.

.

Antichi amanti rumeni. In una tomba medioevale della Romania sono stati rinvenuti nel 2013 gli scheletri di un uomo e di una donna che si tengono per mano. I resti si trovavano in un cimitero in Romania, nei pressi di Cluj. Lui è morto in seguito ad una ferita allo sterno, mentre della morte di lei non si sa nulla.

.

Mano nella mano in Gran Bretagna. Dopo quattro anni di scavi, nella Cappella di St Morrell a Hallaton sono stati riportati alla luce due amanti, sepolti mano nella mano per sette secoli nell’antico luogo di pellegrinaggio costruito su un sito di epoca romana. Ai corpi potrebbe essere stata rifiutata la sepoltura nella chiesa principale, forse perché erano criminali, stranieri o malati. La notizia risale a pochi giorni fa, perciò attendiamo lo sviluppo della vicenda.

29534

.

Fonti:

Annunci

4 thoughts on “Abbracciati per l’eternità: romantici ritrovamenti archeologici

  1. Immagini e ritrovamenti che mi hanno scossa. Molto. Da un lato mi sento rincuorata, l’assenza della solitudine nell’attimo ultimo credo sia un dono per pochi. Nasciamo e moriamo soli quindi è un raro privilegio abbandonarsi l’un nell’altro nel momento del passaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...