La civetta ha fatto il bis (e mi offre un pretesto per ironizzare sulla lingua latina)


http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2013/07/owl-prize-2.html https://centauraumanista.wordpress.com/2013/07/07/owl-prize-quando-un-articolo-merita-un-premio/ https://centauraumanista.wordpress.com/2013/06/27/il-racconto-un-po-pagano-di-una-visita-al-duomo-di-pisa/

http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2013/09/owl-prize-5.html

.

E’ la seconda volta che Athenae Noctua mi investe dell’Owl price, un riconoscimento assegnato mensilmente ai post di carattere culturale più interessante. L’articolo che mi ha permesso di fare il bis del premio della Civetta è I filtri d’amore nell’antica Roma, una ricerca sulle testimonianze che ci sono pervenute sui filtri d’amore.

Sinceramente non mi aspettavo che il mio post meritasse un premio perché non sono abituata a ricevere complimenti relativi alla mia conoscenza del latino, è infatti ancora vivido il ricordo dei brutti voti, dei corsi di recupero, delle ripetizioni, delle poesie imparate a memoria. Latino però significa anche delle pellicine delle unghie dei piedi di Trimalchione e delle corse degli aurighi, della saggezza di Seneca e delle perle degli Epicurei, della dolcezza di Orazio e del passerotto di Catullo, degli astuti suggerimenti di Ovidio e delle cronache di Livio, delle Vite parallere di Plutarco e delle eroiche imprese narrate da Virgilio. Naturalmente sono troppo pigra per averli letti tutti, ma citarli opportunamente è già un inizio e fa molto figo…

Il mio rapporto con le lingue antiche è sempre stato un po’ particolare: mi è sempre piaciuto leggere i classici così, quando la prof proponeva una versione che avevo già letto, riuscivo a strappare un 6,5 o un sei, ma nella maggior parte dei casi i miei voti non superavano il 5. Ragazzi, credete a me, il latino può anche essere carino da leggere quando non avete solo due ore per tradurre una versione complicatissima o quando non siete sottoposti allo stress delle interrogazioni. Io sono fiera di indugiare ogni tanto sulla letteratura latina e di stupire i profani con le sentenze dei dotti nonostante non ci abbia mai capito un tubo! Ma perché il latino è come il peperoncino: se si esagera diventa insopportabile, ma una spolveratina ogni tanto, senza fatica e senza impegno, è più che salutare: FAC SAPIAS ET LIBER ERIS, apprendi e sarai libero.

Grazie al premio conferitomi dall’amica e follower Cristina mi sono sentita una secchiona in latino per la prima volta in vita mia e mi sento un po’ a disagio, come se non lo meritassi veramente. Eppure sono sicura che gli antichi non ci hanno lasciato le loro parole solo per torturare gli studenti, ma preferirebbero che noi leggessimo comodamente in poltrona e ascoltassimo il loro messaggio. Male che vada, potremo esibire orgogliosamente qualche latinorum sgrammaticato per farci fighi con gli amici.

.

PS: Un consiglio per i maschietti del ginnasio: guardate la vostra tipa intensamente negli occhi e recitate i pochi versi di Catullo che ricordate con voce sexy e cavernosa. Lei non capirà un tubo ma, se siete meno pustolosi e rachitici dei rospi che solitamente si iscrivono al classico, il suono esotico della lingua di Romolo e Remo la faranno crogiolare di desiderio per voi.

Annunci

5 thoughts on “La civetta ha fatto il bis (e mi offre un pretesto per ironizzare sulla lingua latina)

  1. “sono sicura che gli antichi non ci hanno lasciato le loro parole solo per torturare gli studenti, ma preferirebbero che noi leggessimo comodamente in poltrona e ascoltassimo il loro messaggio.”
    ne sono certa anch’io e sarebbe bello se lo sapessero anche gli studenti e in questo fossero aiutati dagli insegnanti affinchè la materia non diventi più pesante ed insopportabile.
    complimenti per il meritatissimo premio :)

    • Grazie per i complimenti. Guarda, nel mio caso non centrano gli insegnanti, non sarebbe bastato ricevere la soluzione della versione sotto dettatura direttamente dal fantasma di Cicerone per prendere un bel voto in latino. In greco era diverso perché è una materia in cui si può usare l’intuito, ma io e il latino non ci siamo mai amati.

      Grazie anche per aver ripreso proprio quella frasetta, così ho potuto correggere quel ridondantissimo “loro” e abbellire la frase con un lessico più elegante.

      Torna presto, Ludmilla, ti aspetto ;)

  2. Pingback: I filtri d’amore nell’Antica Roma | Acqua e limone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...