I labirinti della burocrazia Erasmus (seconda parte)


file0001076847498

Eccoci qua per la seconda puntata di questa piccola guida underground su come partire con il progetto Erasmus. Nella prima puntata ci eravamo salutati parlando dell’accettazione della destinazione e dell’acquisizione di stato di Studente Erasmus, per i quali è sufficiente applicare una firmetta su un contrattino dopo una lunga mattinata persa a far la coda … vabbè! Il passo successivo è la compilazione del piano di Studi.

Il piano di Studi

Il piano di studi, è un documento preliminare in cui dovrete indicare gli esami che desiderate sostenere all’estero. Per compilarlo dovrete scegliere quali esami sostenere tra quelli offerti dall’università ospitante e sottoporre la vostra scelta al professore responsabile e al boss dei boss della mobilità internazionale del vostro ateneo. Sembrerebbe una faccenda di poco conto, ma non è affatto così: preparatevi a rincorrere professori e professoresse per i meandri più irreperibili del vostro dipartimento, ad implorare i docenti per avere un colloquio, a inviare valanghe di email a chiunque, ad inveire selvaggiamente contro il sistema e a perdere ore e ore del vostro preziosissimo tempo libero. Ogni volta che, una volta partiti, modificherete gli esami da sostenere (e la cosa si verificherà piuttosto spesso) dovrete compilare un nuovo Piano di Studi e ripetere tutta questa tiritera.

Preparatevi a soffrire, ma il premio che riceverete in cambio sarà dolcissimo: la libertà e le sfrenate avventure tipiche della vita in Erasmus!

Il Learning Agreement

Il Learning Agreement è un modulo fornito dalla vostra università non dissimile da quello descritto sopra, solo che non è una mera “agevolazione” burocratica come il Piano di Studi bensì un documento superufficiale, firmato dal boss dei boss del servizio Erasmus del vostro ateneo e valido anche all’estero. Fatelo firmare dal professore responsabile, imbustate e consegnate il tutto all’Ufficio Mobilità Internazionale del vostro ateneo per ottenere il timbrino o la firmetta del boss dei boss. Dopo circa una settimana dovreste avere il vostro documento firmato, pronto per essere scannerizzato e inviato alla vostra università ospitante.

L’iscrizione all’ateneo estero

Ogni università straniera ha il suo sistema, ragazzi, quindi aguzzate bene la vista quando leggete e seguite le indicazioni che troverete online, o che riceverete per email. Ciò che tutte le università hanno in comune è la richiesta di un Application Form, alias documento di iscrizione, e talvolta di un secondo Learning Agreement; stampate i moduli che vi consegneranno,  compilateli e fateli firmare dal professore responsabile e dal boss dei boss, secondo le stesse modalità prescritte per il Learning Agreement, entro i limiti di tempo previsti dall’università ospitante. Una volta ottenute le tanto agognate firme (e, fidatevi, le agognerete parecchio), scannerizzate tutto e spedite tutto a chi di dovere.

NON FATE COME ME, non aspettate di avere completato il Learning Agreement per iscrivervi all’università e munirvi dei moduli distribuiti dall’università straniera, rischiereste soltanto di perdere un mucchio di tempo.

Il curriculum accademico

Tale documento ha un migliaio di nomi differenti e non è richiesto da tutte le università ospitanti. Si tratta di un documento che attesta che siete iscritti all’università e che avete sostenuto tutti gli esami che avete faticosamente superato. La mia università risolve la questione con un’autocertificazione, un documento scaricabile da Segreterie Online che dovete firmare voi stessi. Applicato il vostro autografo, scannerizzate e inviate.

La risposta dell’università straniera

L’università ospitante dovrà riconsegnarvi i documenti firmati e timbrati dai propri boss e confermarvi di essere stati accettati (o respinti). Io sto ancora aspettando, speriamo che non impieghino troppo tempo.

I corsi di lingua

La mia università organizza dei corsi di lingua inglese, francese, tedesco e spagnolo appositamente per gli studenti Erasmus, che si terranno nel corso dell’estate. Sì, lo so, purtroppo non c’è il portoghese, ma una bella ripassata di inglese non mi farà certo male.

I corsi EILC

Gran bella cosa studiare il portoghese in terra portoghesa poco prima di iniziare il progetto Erasmus. Purtroppo non è certo che la borsa di 500,00 € sia confermata, perciò molti, me medesima compresa, hanno rinunciato all’opportunità.

I concorsi per le borse di studio

Talvolta vengono organizzati dei concorsi per delle borse di studio. Io ho intenzione di partecipare, dopotutto non si sa mai, potrei anche vincerle!

Il prossimo passo:

Nei prossimi mesi stabilirò la data della partenza, organizzerò il viaggio,mi procurerò tutta la documentazione richiesta e cercherò un e alloggio dove dormire e via dicendo. Quest’estate avrò un sacco di cose da fare, ragazzi, vi terrò aggiornati nel terzo e ultimo capitolo di questa guida.

Auguratemi buon viaggio!

I labirinti della democrazia Erasmus:

  • Prima parte
  • Terza parte (la scriverò non appena avrò terminato il viaggio)

mondo

 

Annunci

7 thoughts on “I labirinti della burocrazia Erasmus (seconda parte)

  1. !! mi servirebbe un vademecum del genere per districarmi tra i maledettisimi meandri dell’università di tor vergata! ARGH!!

    dove te ne andrai?

    buona fortuna…

  2. Pingback: I labirinti della burocrazia Erasmus (prima parte) | Acqua e limone

  3. Ed io ti auguro già adesso un grandissimo buon viaggio e un grandissimo in bocca al lupo! Credo che una volta sopravvissuta alla prima trafila di pratiche burocratiche, degne delle dodici fatiche di Ercole, tutto il resto scivola via con più facilità :) Aspetto aggiornamenti allora! :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...