I ritratti di Sissi

Negli appartamenti dell’Hofburg, il palazzo reale di Vienna, è stato allestito il museo di Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, nota al mondo come la principessa Sissi, in cui sono stati esposti più di trecento oggetti personali dell’imperatrice.

Non è opportuno presentare un museo di oggettica in una rivista d’arte, ma i curiosi possono apprendere ulteriori informazioni al riguardo cliccando sul seguente link: http://www.hofburg-wien.at/it/informazioni-interessanti/museo-di-sisi.html . Nelle sale del museo abbondavano ritratti e fotografie dell’imperatrice realizzati nelle situazioni più svariate e in età molto diverse della regina. Alcuni dipinti sono noti in tutto il mondo, come quello in cui l’imperatrice è ritratta di spalle e mostra la sua splendida chioma castana, lunga quasi sino a terra, che pettinava per circa tre ore al giorno in quanto era ossessionata dalla bellezza e che raccoglieva in elaborate acconciature ottocentesche; altri ritratti sono invece sconosciuti e mostrano un’immagine poco nota dell’aristocratica fanciulla, ma altrettanto affascinante.

Non ho la possibilità di ricordare e menzionare i quadri e le fotografie più belli in esposizione al museo, mi accontenterò di scrivere questo articolo servendomi delle immagini disponibili in rete.

Non è un caso che un’imperatrice sia stata ritratta così tante volte: si trattava di un preciso progetto di propaganda, il popolo infatti aveva la possibilità di conoscere i propri reali soprattutto attraverso quelle immagini. Veniva proposta un’immagine di Sissi felice, armoniosa e innamorata del proprio marito. La sposa perfetta, insomma. Ma Sissi non era affatto questo genere di donna e la rigida etichetta di corte, le incomprensioni con il marito e l’ostilità della suocera la rendevano profondamente infelice e chiusa in se stessa. I sudditi percepivano l’inadeguatezza dell’imperatrice nei confronti del proprio ruolo e non la amavano particolarmente. In questa incisione vediamo Sissi e Francesco Giuseppe giovanissimi, che passeggiano a braccetto all’aria aperta in una splendida, idilliaca bugia propagandistica.

Le seguenti due foto testimoniano l’infelicità di Elisabetta a corte. Si tratta di due fotografie ufficiali, scattate quando la regina aveva solo sedici anni e si era sposata da poco. Il fotografo si era sforzato di farla sorridere ma Elisabetta restò seria, infatti in quel periodo era profondamente stressata per gli impegni di corte che si erano susseguiti dopo il matrimonio, l’assenza di vita privata, l’invadenza della suocera, la solitudine e le incomprensioni con il marito.

Il dipinto più famoso di Elisabetta è stato realizzato nel 1865 da Franz Xaver Winterhalter. L’imperatrice indossa uno splendido abito bianco da gran galà e tra i suoi capelli intrecciati sono fissate delle preziosissime stelle di diamanti, che sono entrati nella storia dell’oreficeria (per saperne di più, leggete questo articolo: http://www.il-mondo-delle-gemme.juwelo.it/sissi-e-la-leggendaria-stella-di-diamanti/ ). In questo periodo Sissi aveva ventisette anni ed era al massimo del suo splendore. Il quadro è abbastanza fedele anche se l’espressione dell’imperatrice è un po’ troppo sdolcinata; per conoscere il vero volto Elisabetta e le reali espressioni del suo viso, dobbiamo affidarci alle fotografie.

Passano gli anni ed Elisabetta non è più una ragazzina, ma una donna forte e decisa, conscia del proprio potere a corte e decisa a far valere la propria volontà contro la suocera, il marito e le convenzioni sociali, anche a costo di essere considerata stravagante. Nelle fotografie appare come una donna orgogliosa, leggermente maliziosa, raramente sorridente e talvolta dura. Conscia della propria bellezza dalla quale era ossessionata, spesso l’imperatrice non cela una certa vanità.

Dopo i trent’anni Elisabetta smise di farsi ritrarre, nonostante avesse una maniacale cura del corpo ai limiti dell’anoressia; i segni dell’età infatti iniziavano a diventare evidenti e l’imperatrice faticava ad accettare il proprio aspetto. Quando Sissi aveva cinquantasette anni, il pittore Armin Horowitz realizzò uno straordinario falso che divenne piuttosto famoso: pur non avendo mai incontrato la regina, dipinse un suo ritratto mediante un abito nero che Sissi era solita indossare e un dipinto del suo volto, realizzato quando la donna aveva 25-30 anni. L’effetto è straordinario: l’imperatrice cinquantenne appare giovane e fresca come una ragazza nel fiore degli anni.

Siccome anche nell’Ottocento i vips erano paparazzati, Elisabetta non usciva mai senza ventaglio o ombrellino per nascondere il suo volto dall’obiettivo degli invadenti fotografi. In alcune fotografie in cui è riuscita a proteggersi, la regina risulta irriconoscibile.

In altre situazioni i fotografi hanno avuto la meglio e sono riusciti ad immortalare, anche se solo parzialmente, il volto di Elisabetta. Nelle due fotografie che vi abbiamo proposto, Elisabetta compare prima nel corso di una silenziosa passeggiata con il marito, poi in compagnia di una dama di corte.

Abbiamo a disposizione una sola fotografia di Sissi in età matura, scattata quando la regina aveva cinquantaquattro anni. Si tratta di una fotografia privata, realizzata nel Natale del 1891, che fu scoperta in una collezione privata del 1986. Proprio a causa dell’unicità di questo reperto, molti sospettano che si tratti di un falso, ma la sala e la sedia su cui è seduta l’imperatrice coincidono con la realtà e la donna che dovrebbe essere Sissi è straordinariamente somigliante con le immagini che abbiamo dell’Elisabetta più giovane.

 

Informaizoni tratte da: 

 

Riflessioni di una femminista in incognito

large

Mi sono resa conto che leggo libri femministi e che seguo siti web e Youtuber sul tema da almeno un anno, ma nessuno conosce questo mio interesse eccetto il mio fidanzato. Forse mi vergogno di essere femminista, come un tredicenne che nasconde Play Boy sotto il letto sperando che la mamma non lo scopra facendo le pulizie.

L’ambiente circostante non aiuta: sono la sola femminista di mia conoscenza, non frequento nessuno con cui parlare e confrontarmi, inoltre il mio piccolo universo di provincia è ostile a tutto ciò che riguarda il femminismo, anzi, non sa nemmeno cosa sia tale movimento. In Brianza questa parola che sembra una parolaccia implica bruciare reggiseni, non depilarsi, odiare gli uomini e sostenere i diritti LGBT. Ebbene, cari brianzoli, avete ragione solo su quest’ultimo aspetto, perché femminismo significa semplicemente sostenere la parità tra uomo e donna e lottare per abbattere ogni forma di disuguaglianza e gli stereotipi che ci impongono determinati comportamenti. Prendiamo il più classico degli esempi, una donna non è costretta a depilarsi come impone la società ma ha il diritto di essere libera di farsi crescere i peli se lo desidera, oppure di votarsi ad una radicale ceretta integrale, oppure di alternare queste due opzioni in base a ciò che più le conviene nei vari periodi della sua vita. Insomma, femminismo è semplicemente libertà di essere ciò che si desidera, mandando letteralmente al diavolo le imposizioni della nostra società su questo come su molti altri aspetti. Il femminismo si suddivide in varie branchie e io non ho ancora deciso con chi schierarmi (non prendo mai simili decisioni in modo affrettato, preferisco documentarmi accuratamente prima di scegliere) però ormai è evidente che, nel mio piccolo, faccio parte di questo movimento in quanto ne abbraccio l’ideologia.

A parole sembro una sincera sostenitrice del femminismo, ma la realtà è molto diversa: io sono una vigliacca, mi mimetizzo tra la massa evitando di esprimere la mia opinione quando si toccano simili argomenti durante una conversazione o addirittura adotto comportamenti in contraddizione con quello in cui credo, soprattutto per quanto riguarda la scelta delle parole e delle espressioni mentre parlo. Non ho intenzione di trattare in questo articolo il fatto che l’italiano sia una lingua maschilista e che sarebbe doveroso modificarla per renderla più rispettosa del genere femminile e non solo (modificare artificialmente una lingua non è assurdo, lo fece per esempio Pietro Bembo con la Prosa della volgar lingua nel 1525 per quanto riguarda l’italiano), sappiate semplicemente che io purtroppo adotto moltissime espressioni e vocaboli che giudico sessisti.

Confesso inoltre di essere una pigrona perché è faticoso uscire dalla caverna di Platone e assumere un comportamento controcorrente, sembrerebbe che io non abbia nessuna intenzione di prendermi la briga di appoggiare il movimento e dare il mio contributo. Ma cosa significa combattere? Che cosa dovrei fare esattamente? Forse sarebbe meglio continuare a nascondere i libri sotto il letto come s fossero dei giornaletti porno e pensare a laurearmi.

La regina della notte

Mi chiamo Astrifiammante, sono la regina della notte

Ho sconfitto infinite stelle che brillavano meno di me

E combatterò fino alla morte per essere la prima, per risplendere sola tra le stelle

Eppure mi inchino al sole tutte le mattine

Getto la spada per  strappargli un sorriso e un bacio

Sarastro è il migliore

Siamo così diversi che possiamo regnare assieme

Se ogni tanto cerco di ucciderlo

E’ solo perché l’amore è un controsenso

Io voglio brillare nella notte

Ma le stelle non si vedono di giorno, quando sorge il sole

luciana-serra-04

Recensione de “L’amuleto di Samarcanda”

amuleto

I romanzi Young adult sono un genere letterario dedicato agli adolescenti. Generalmente si tratta di fantasy, attualmente un genere molto amato da grandi e piccini, ma possiamo trovarne di ogni sorta, dai romanzi verosimili agli horror. Non sono solita leggere Young adult perché li considero romanzetti privi di spessore, il cui unico scopo è l’intrattenimento del fanciullo, ma nel caso di alcuni romanzi sono stata fortunatamente indotta ad abbandonare ogni pregiudizio perché si trattava di testi ben scritti e dotati di un significato profondo. E’ il caso de L’amuleto di Samarcanda di Jonathan Stroud, primo libro della Triologia di Bartimeus, uscito nel 2003.

Il romanzo è ambientato in una Londra governata da maghi arrivisti e spregiudicati nei confronti dei comuni, tutti coloro che sono privi di competenze magiche, e dei demoni, creature dell’Altro luogo da cui deriva il potere di ogni mago. I maghi non sono dotati di abilità straordinarie, sono semplicemente dei dotti in grado di soggiogare i demoni e sfruttarli ingiustamente per i loro loschi fini. Nathaniel è un apprendista stregone di dodici anni dalle straordinarie abilità ma sottovalutato dal proprio maestro, uno stregone privo di talento e schernito dai propri superiori. Umiliato ingiustamente dal potente mago Lovelace, Nathaniel si vendica convocando il potente quanto egocentrico e sarcastico jinn Bartimeus, a cui ordina di rubare l’amuleto di Samarcanda. Tale furto scatenerà una serie di eventi inaspettati perché l’amuleto è un manufatto dall’incredibile potenza che Lovelace ha rubato al governo per organizzare un colpo di stato e Nathaniel non sempre si dimostrerà in grado di controllare lo scaltro Bartimeus.

Il primo aspetto che ho apprezzato di questa saga è che finalmente i maghi sono i cattivi e la loro magia deriva dall’erudizione anziché dalle solite doti magiche innate. Dimenticatevi le innocue pozioni magiche o gli svolazzanti colpi  di bacchetta di Harry Potter, in questa saga si pratica il maltrattamento e la riduzione in schiavitù di demoni, esseri dotati di poteri magici, che sono costretti a fare il lavoro sporco in vece del mago e cercano in ogni modo di liberarsi dal vincolo ingannando lo stregone. I demoni sono suddivisi in classi a seconda del loro potere e possiedono svariati poteri, infatti possono assumere la forma di altri esseri viventi terrestri o magici, scagliare deflagrazioni o altri attacchi magici, diffondere odori o fulmini dell’aria. I maghi possono catturare e torturare i demoni con formule magiche in lingue antiche imparate a memoria. Gli stregoni inoltre sono personaggi spregevoli: dittatori assetati di potere, avidi collezionisti di cimeli dai potenti poteri magici, assassini, falsi doppiogiochisti privi di scrupoli e sentimenti …

Nei fantasy solitamente il confine tra bene e male è sempre molto netto, nell’opera di Stroud invece tale distinzione è molto ambigua. Nathaniel, pur dimostrando di avere una coscienza e di essere disposto al sacrificio per le persone che ama, è risolutamente schierato con i maghi, approva il regime dittatoriale per il quale è destinato a lavorare da adulto e combatte la resistenza (un gruppo di comuni che vuole sovvertire il governo dei maghi). Il giovane inoltre si dimostra più volte un arrivista assetato di potere e uno spietato calcolatore, manifesta una decisa sete di vendetta nei confronti di Lovelace, e non sempre tratta con umanità i demoni suoi schiavi. Bartimeus è il protagonista assolutamente positivo in qualità di demone schiavizzato e suo malgrado costretto a combattere per Nathaniel, ma il suo egocentrismo e il suo sarcasmo sin troppo pungente lo rendono affascinante quanto imperfetto: nessun eroe è senza macchia nella Londra di Stroud.

La politica riveste un ruolo cruciale nella saga e la piramide sociale dell’impero Britannico in cui è ambientata la vicenda è ben delineata. Come abbiamo già detto, i maghi sono i privilegiati: i più potenti rivestono le cariche superiori mentre tutti gli altri, come il maestro di Nathaniel, “sgobbano” nei gradini più bassi del governo londinese. Ciascun mago cerca di conquistare potere e prestigio con ogni mezzo, morale o immorale che sia. I comuni sono esclusi da ogni carica pubblica e devono sottostare agli ingiusti soprusi dei maghi, come un atteggiamento di disprezzo nei propri confronti, una condizione sociale di povertà e il coprifuoco, ma tutto ciò sarà descritto con maggiore precisione nei libri successivi della saga. Alcuni ragazzini immuni dai poteri magici dei demoni e in grado di individuare manufatti magici nascosti hanno fondato la Resistenza, un’organizzazione clandestina avente lo scopo di rovesciare il potere costituito. La Resistenza riveste un ruolo marginale nel primo libro della saga, per diventare protagonista nelle opere successive. Bartimeus ci rivela che l’impero britannico non è stato il primo impero gestito da maghi: molte altre volte in passato una minoranza di esseri umani avrebbe preso il potere servendosi dei demoni. E’ il caso dell’impero di Praga, crollato quando gli  inglesi hanno preso il potere.

L’autore sa gratificare il proprio pubblico di adolescenti toccando temi a loro cari. Il protagonista, un loro coetaneo, è stato abbandonato ed è costretto a vivere con una persona che non gli vuole bene, il suo maestro. Non si tratta forse di un incipit ideale tutti coloro che si sentono adolescenti incompresi? Il fanciullo in questione è inoltre un ragazzo dai poteri straordinari ma nessuno nota il suo talento: in questo moto viene stuzzicato piacevolmente l’ego del giovane lettore, che nel proprio inconscio nel pieno di una tempesta ormonale si sente un piccolo genietto incompreso. Proseguendo nella lettura, il ragazzo si ritroverà completamente solo e dunque indipendente, come vorrebbe ogni ragazzino. La Resistenza è inoltre gestita da un gruppo di suoi coetanei in modo tale da lasciare più spazio ai giovani nella trama; tale gruppo è capitanato da una ragazza, per consentire alle ragazze di identificarsi in un personaggio più simile a loro. La giovinezza tuttavia non viene affatto esaltata: Nathaniel è un ragazzino testardo e fin troppo impaziente, l’autore criticherà più volte queste sue caratteristiche offrendo un ottimo spunto di riflessioni ai giovani lettori.

Consiglio questo romanzo ad adulti e adolescenti, nella speranza che vengano scritti più romanzi per ragazzi di qualità come L’amuleto di Samarcanda. Le altre opere della triologia sono L’occhio del golem e La porta di Tolomeo, informatevi se siete interessati alla recensione anche di questi due straordinari romanzi, in cui la Resistenza riveste un ruolo cruciale e Nathaniel dovrà scegliere da che parte schierarsi, se appoggiare il governo o combattere dalla parte del popolo.

La mia prima lettera d’amore

9093733_img-20160407-172739-780

Già da tempo avevo in mente di dedicarti due parole ma non sapevo cosa dirti, finalmente ho deciso di prendere in mano il computer e scrivere un post anche per te, amore mio.

Durante l’adolescenza ho segretamente snobbato l’amore. Naturalmente anche io desideravo avere qualcuno accanto, ma tutto ciò che poteva avvicinare un maschio non faceva per me: odiavo le discoteche con la loro stupida musica house assordante, odiavo i tacchi, odiavo indossare vestitini succinti con il gelo dell’inverno e odiavo gli occhi arrossati per il trucco (sono allergica). Per non restare emarginata dal branco mi adeguavo a queste estenuanti pratiche femminili col solo risultato di trascorre sabato sera stressanti, zoppicando malamente sui tacchi, sbuffando in modo molto poco seducente e con il trucco sbavato. Ogni tanto la mia migliore amica rimorchiava una coppia di bei ragazzi e il secondo dei due ci sarebbe anche stato con me, purtroppo lo sfortunato di turno non mi piaceva mai: io e la mia amica abbiamo gusti troppo diversi e i ragazzi che rimorchiava non mi andavano mai bene.

Insomma, i maschi per me erano il male: erano buoni come una gustosa birra ghiacciata, ma se il prezzo del bicchiere era adeguarmi alla massa… mi basta una coca-cola, grazie!

Quando sei arrivato tu ho scoperto che non servono convenzioni per essere donna, tutto viene spontaneo quando si incontra l’uomo giusto. Il trucco è attaccare bottone e i tacchi… chissene frega dei tacchi! E anche del trucco! Non so quale sia il segreto dei nostro rapporto, amore mio, so solo che con te non devo mai recitare per piacerti, eppure ti amo talmente tanto che mi trasformerei nella più abile delle seduttrici per conquistarti. Giuro che per te guarderei tutti i tutorial di trucco di youtube, danzerei sino al mattino su un tacco quindici al ritmo di qualunque aborto di musica da discoteca e trascorrerei ore al freddo con le gambe gelate per entrare in un cazzo di locale. Per fortuna tu non mi chiedi questo (anche perché ora sono troppo vecchia per le discoteche) e di conseguenza ti amo ancora di più.

Io sono una donna e tu mi hai insegnato quanto è bello essere tale, ma non mi fai sentire una donna qualunque, tu mi tratti come se fossi la donna perfetta anche se non lo sono affatto. Certe volte mi guardi con tale adorazione che io mi sento una dea, la più viziata delle principesse che grazie al tuo amore trasformo in una guerriera invincibile che può conquistare tutto ciò che vuole: il tuo amore è una linfa vitale che mi nutre e mi da la forza di sconfiggere qualsiasi difficoltà la vita mi ponga davanti. Quando mi guardi leggo l’amore nei tuoi occhi e sento che non mi serve altro per vivere.

Mai avrei pensato di scrivere una lettera degna di un Harmony come questa, piuttosto che scrivere di argomenti amorosi avrei preferito abbandonare lettere e tornare a studiare economia, ma non posso nascondere i miei sentimenti per sempre. Allora, come in ogni lettera d’amore in stile Harmony che si rispetti, partiamo con la solita sviolinata su quanto sono belli i tuoi occhi e le tue labbra, amore mio, anche se potrebbe suonare banale. “Tanto gentile e tanto onesto pari”, eccetera… E’ dal Duecento che si lodano le fattezze della persona amata e stasera anche io farò altrettanto. So benissimo che sei un uomo qualunque, eppure i tuoi occhi sono così dolci che mi si spezza il cuore quando ti guardo, sono struggenti come una sonata di pianoforte. Tutti gli uomini hanno la barba, ma solo la tua è ruvida e rassicurante come quella di un antico guerriero. Amo le tue mani forti e il tuo petto, su cui mi raggomitolo quando sono stanca; le tue labbra attirano baci e teneri morsichini, sono perfette; . In fondo però amo tutto di te, persino la tua voce stonata quando canti in macchina e la tua voglia sulla schiena. Ciò che più adoro è l’intesa mentale che c’è tra noi, la tua cultura nerd che è così diversa dalle mie amate materie umanistiche, eppure così compatibile con me.

Non so come finirà la nostra storia, se moriremo insieme dopo una serena vecchiaia o se ci separeremo prima (probabilmente in seguito alla tua incapacità di comprendere che non si può andare sotto le coperte vestiti), io faccio il tifo per noi e sono certa che non ci separeremo mai.

Ti amo, Mirko, sei l’uomo della mia vita.

Miao!

canzoni-d-amore-rock.jpg

 

Munch e il suo rapporto con le donne

Il rapporto tra Munch e le donne è forse un argomento inadeguato per una ragazza in quanto sarebbe più interessante se lo affrontasse una mente maschile, ma le opere di Munch sono così affascinanti che ho deciso di intraprendere questa sfida, seguendo la traccia dell’articolo Le donne di Munch di Lucia Imperatore, pubblicato su Psicozoo.it.

Tutti conosciamo Munch per il celeberrimo Urlo, che rappresenta un attacco di panico e una profonda angoscia esistenziale, ma l’artista ha rappresentato il disagio psicologico anche in molte altre opere, soprattutto in quelle che trattano il suo travagliato rapporto con le donne.

A soli cinque anni Edvard Munch perde la madre che, indebolita dalla tisi, muore nel dare alla luce il quinto figlio. Quando il futuro pittore aveva quindici anni morì di tubercolosi la sorella maggiore Sophie, cui Edvard restò vicino sino alla fine. Il padre, un medico, si chiuse in una profonda depressione e morì qualche tempo dopo. Le tre tragiche perdite segnarono profondamente non solo la vita dell’artista e il suo rapporto con le donne, ma anche la sua arte, infatti l’artista ci ha regalato degli splendidi capolavori sulla morte di Sophie.

La fanciulla malata ritrae proprio la sorella Sophie sul letto di morte; esistono ben sei versioni dell’opera. Nella versione del 1885-1886, la fanciulla dai capelli rossi giace a letto su un grosso cuscino bianco mentre una donna dal capo chino e i capelli raccolti le stringe una mano. In primo piano troviamo un bicchiere, di fianco al letto, su un comodino, si trova una bottiglia. Sul lato destro del dipinto è abbozzata una tenda verde.

NOR Det syke barn, ENG The Sick Child

La morte di Sophie viene rappresentata anche ne La morte nella stanza della malata, del 1893. La ragazzina è ritratta di spalle, seduta su una seggiola, accudita dalla zia Karen, che sacrificò la propria esistenza per accudire i figli della defunta sorella. Il padre è di fronte a Sophie con le mani giunte e il capo chino, sembra che stia pregando; sul lato opposto il figlio Andreas, che morirà di polmonite qualche anno più tardi, si appoggia al muro con una mano. In primo piano troviamo Laura seduta mentre Inger rivolge allo spettatore uno sguardo fisso e sofferente. All’artista preme soprattutto la rappresentazione dell’aspetto psicologico, del fatto che i vari personaggi sono ridotti a mere ombre di loro stessi dall’imminente perdita e sono isolati l’uno dall’altro in una profonda solitudine. I soggetti raffigurati non hanno l’età in cui è morta Sophie ma quella in cui è stato realizzato il dipinto, segno che il lutto si è protratto nel tempo. L’arredamento è minimo, risaltano le superfici vuote del pavimento e delle pareti.

Per Munch la donna è dunque una creatura malata, morente, una vittima sacrificale. Amare una donna significa soffrire.

morteincamera

Qualche anno più tardi Munch andò a Parigi e successivamente a Berlino, qui frequentó gli ambienti bohemien dell’epoca. E’ in questo ambiente che realizza le quattro dissacranti versioni di Madonna tra il 1894 e il 1895, intrecciando con genialità il sacro ed il profano. La Madonna di Munch è nuda ed ha delle provocanti  forme sinuose (accentuate da linee curve che circondano il corpo), la sua pelle è pallida, le braccia sono sensualmente piegate dietro la testa e i capelli neri si spargono sulla tela come tentacoli; ciò che attira maggiormente l’attenzione è il volto, infatti gli occhi sono socchiusi in una sorta di estasi che rendono la donna estremamente provocante. Un’aureola rossa infine evoca i temi della passione e del sangue, tale colore, insieme al nero, sono un evidente riferimento ad eros e thanatos. Una litografia di tale soggetto è ancor più provocatoria, infatti l’artista raffigura in una cornice degli spermatozoi e, in un angolo, un feto raggomitolato, debole e impaurito che è stato interpretato in vari modi come l’infelicità fuori dal grembo materno, la morte, la profanazione di Cristo, l’annichilimento del maschio nei confronti della madre o della donna amata. In ogni caso, il Cristianesimo ne risulta completamente demistificato e viene sostituito dalla venerazione della donna e della passione, anche qualora conduca alla morte.

edvard_munch_-_madonna_-_google_art_project_495100

Nel 1898 Munch inizió una relazione con Tulla Larsen che si concluse in tragedia: siccome l’artista rifiutava le pressanti richieste di matrimonio della donna, scoppió una violenta lite e Tulla sparó al compagno, che perse così un dito. La donna amata in effetti è per Munch un vampiro, un demone spietato che uccide l’uomo nell’amplesso succhiandogli la linfa vitale. Nonostante ciò l’uomo non può opporsi al desiderio che prova per la donna ed è dunque destinato all’autodistruzione. In Vampiro troviamo un uomo in giacca nera raggomitolato su se stesso mentre una donna, abbracciandolo, si china su di lui per succhiargli il sangue. Il volto della fanciulla è nascosto da lunghi capelli rosso sangue che si spargono come tentacoli sul corpo dell’uomo.

117374

Mi piacerebbe molto conoscere le impressioni di un uomo circa quest’opera, sapere quanti maschi considerano noi donne dei vampiri. Sarebbe interessante se un ragazzo riscrivesse il post dal suo punto di vista, mi piacerebbe scoprire se noi donne siamo veramente dei vampiri o se semplicemente alcuni uomini non sanno amarci in modo sano. Concludo questo articolo con una domanda rivolta a tutti: si può amare ciò che ci distrugge? Si può amare un vampiro?

La mia vita sovrappeso

pasos-para-bajar-la-barriga-1_0

Due anni fa ero magra, venivo invidiata perché ero una di quelle ragazze che potevano mangiare qualsiasi cosa senza ingrassare di un etto, poi il mio corpo ha iniziato a prendere peso. Non ho perso tono muscolare perché ho sempre praticato sport, ma il mio ventre si è gonfiato, fianchi e sedere si sono ammorbiditi e, soprattutto, la gente ha iniziato a parlare. Come molti di voi avranno sospettato, sono ingrassata di 25 kg, arrivando a pesare da 65 kg  a 92 kg per 1,75 m di altezza e i pettegolezzi si sono scatenati.

In un’epoca in cui l’immagine esteriore è fondamentale non ci si può permettere di essere grassi, così le persone si sentono giustificate a sparlare senza scrupoli alle spalle di chi poi tanto in linea non è, praticando ciò che in inglese è chiamato fat shaming.

I luoghi comuni vogliono che le persone grasse si abbuffino senza contegno, non pratichino sport, siano pigre e  non curino il proprio aspetto fisico. Alcuni obesi rientrano in queste categorie, certo, ma non tutti: i pettegoli si dimenticano sempre che molte persone sono sovrappeso per depressione o altri malesseri psicologici o psichiatrici, assunzione di determinati medicinali, problemi ormonali, malattie (come per esempio  il diabete), squilibri ormonali, costituzione (mi riferisco a quelle persone che, nonostante le diete, sono sempre più cicciottelle della media, senza necessariamente essere sovrappeso). Per ovvi motivi non ho intenzione di dichiarare pubblicamente la ragione per cui sono ingrassata, sono molto infastidita però dal fatto che la gente preferisca etichettare il grasso secondo i pregiudizi più diffusi, anziché tenere presente che le cause dell’obesità possono essere varie.

 1402592d1300495663-nudi-cultura-arte-540

La mia vita da cicciottella non è poi così diversa da quella che avevo prima. Gli effetti si vedono soprattutto nell’attivitá fisica perché, praticando uno sport di squadra, fatico a sostenere gli stessi ritmi delle mie compagne: non solo a basket sono sempre stata un po’ una schiappa, adesso devo anche sudare il doppio per correre come le altre.

Essendo una fanciulla mi piacerebbe molto fare shopping con le mie amiche, ma avendo esigenze molto particolari rispetto a loro preferisco andarci da sola. I primi mesi in cui ero sovrappeso trascuravo l’abbigliamento perché disprezzavo il mio corpo, cercavo di non pensare all’estetica per aggirare il problema del grasso. Adesso sto ricominciando ad agghindarmi come fanno tutte le mie coetanee, ma purtroppo le persone grasse devono seguire regole rigide per quanto riguarda l’abbigliamento perché devono “nascondere” i chili di troppo, pena le occhiatacce della gente: niente colori sgargianti, niente righe orizzontali, maniche lunghe per coprire le bracciotte, assolutamente da evitare gli shorts, da dimenticare anche i vestitini aderenti o troppo corti. la faccenda si complica d’estate, quando una persona vorrebbe scoprirsi per difendersi dalla calura estiva ma teme il giudizio della gente. Sono invece apprezzate le scollature, perché è risaputo che assieme alla panza crescono anche le tettone. Con l’aumentare dei chili ho dovuto ricomprare i vestiti due volte, ma a differenza di quanto si possa pensare mi è spiaciuto molto perché molti capi erano nuovi, oppure mi ero affezionata a loro.

I luoghi più temuti dalle ragazze sovrappeso sono le piscine perché impongono loro di esibire tutta l’abbondanza che le caratterizza. Personalmente sono disinteressata all’opinione pubblica perciò mi tuffo in acqua senza farmi troppi problemi, però conosco delle persone che vivono questa esperienza come un trauma, evitando di accompagnare gli amici in piscina oppure evitando di fare il bagno.

Essere invitati ad una festa è un problema perché spesso la gente giudica ad alta voce alta quello che mangi, sia se ti concedi qualche boccone sia se eviti di toccare cibo. Una parte di me vorrebbe sempre invitare tali persone a  farsi una valangata di ca**i propri, ma le parole offendono, umiliano e feriscono nel profondo, non sempre riesco ad essere così forte.

 fat2bshamingh

Attualmente ho perso peso da 92 kg a 86 kg e sto cercando di far scendere ulteriormente l’ago della bilancia. Inizialmente i chili diminuivano rapidamente, ma ora si sono stabilizzati e sto faticando a non mollare. L’aspetto più triste è rinunciare agli inviti a cena con gli amici: siccome non riesco a trattenermi dall’abbuffarmi in compagnia, l’unica soluzione è evitare del tutto di presentarmi a grigliate, pranzi giapponesi, pizzate e altro ancora. Ciò non significa che abbia intenzione di abbandonare l’impresa, presto ritornerò in linea. E’ una promessa.